L’importanza delle traduzioni scientifiche in ambito accademico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Cos’è una traduzione scientifica e da dove partire per realizzarla

Per traduzione scientifica si intende la traduzione tecnica di testi appartenenti a settori come chimica, biologia, biochimica, microbiologia, botanica, geologia, medicina, virologia, zoologia e via dicendo. 

Al fine di realizzare una corretta traduzione scientifica, è necessario avvalersi di traduttori esperti del settore di riferimento. Tuttavia, spesso la traduzione è compiuta da esperti del settore che conoscono a fondo l’ambito in questione e “se la cavano” con la lingua nella quale verrà tradotto il testo, come ad esempio, l’inglese. Allo stesso modo, la scelta di un traduttore con un’ottima conoscenza della lingua ma senza preparazione adeguata, per esempio, in ambito di traduzioni mediche, non garantisce affatto che la traduzione sia accurata e che rifletta il contenuto del testo di partenza.

In ambito accademico, è fondamentale che la traduzione scientifica sia di qualità, specialmente nei casi in cui le traduzioni devono essere pubblicate su riviste accademiche o presentate a congressi internazionali.

Dove effettuare traduzioni scientifiche

Presso studi abituati alle traduzioni professionali, in particolare specializzati in traduzioni scientifiche e mediche. Gli studi e le ricerche, destinati alla pubblicazione su riviste accademiche o presentati a congressi internazionali, sono tradotti esclusivamente da madrelingua esperti e competenti nella materia di interesse. 

Ciò si rende necessario al fine di garantire una comunicazione quanto più chiara e corretta possibile. Se desideri affidarti a un team di traduttori professionisti, lo Studio Ati si è occupato della traduzione di molteplici articoli accademici in ambito scientifico, storico, sociologico e archeologico, in particolare per le Università di Verona, Trento e Bergamo. Leggi di più sui servizi offerti da Studio Ati.

A cosa prestare attenzione durante la realizzazione di una traduzione scientifica

La traduzione scientifica, senza giochi di parole né metafore o figure retoriche da dover adattare a un’altra lingua e cultura, sembra una passeggiata per ogni traduttore. La realtà, tuttavia, è ben diversa. 

Per poter realizzare una traduzione scientifica di qualità è necessario non solo padroneggiare la lingua di partenza e quella di arrivo della traduzione, ma anche l’argomento di cui il testo scientifico si occupa. La traduzione scientifica, inoltre, richiede la conoscenza di una terminologia specialistica che permetta la corretta traduzione di ogni specifico termine da una lingua all’altra.

Correttezza terminologica, chiarezza espositiva e assoluta precisione sono di fondamentale importanza durante la stesura di una traduzione scientifica.

L’inglese scientifico

Oramai riconosciuto dalla seconda metà del XX secolo come la lingua ufficiale della comunità scientifica a livello internazionale, l’inglese è utilizzato in svariati ambiti per favorire la comunicazione e la comprensione tra individui che parlano idiomi differenti. 

La conoscenza dell’inglese scientifico consente di decodificare testi scientifici in inglese, e permette la comprensione e la fruizione ottimale della letteratura accademica proveniente da paesi stranieri. In altre parole, la conoscenza dell’inglese scientifico è necessaria per rimanere in contatto con le novità provenienti dalla comunità scientifica internazionale e per produrre ricerche di livello avanzato.

Lo scienziato e il ricercatore che desiderino pubblicare le proprie ricerche scientifiche in ambito accademico, saranno avvantaggiati dalla possibilità di tradurre i propri testi in inglese: ciò consente, infatti, una maggiore facilità di diffusione delle ricerche stesse a livello mondiale. Basti pensare all’importanza di riviste come Nature, Science, Physical Review, British Medical Journal e The Lancet. Conoscere l’inglese scientifico può inoltre essere utile per avanzare di carriera.

In ambito ospedaliero, per un medico o un infermiere, l’inglese è necessario per la visita e l’anamnesi di pazienti stranieri, nonché per fornire loro un’assistenza completa, precisa e rapida.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lascia un commento