Zanzare: punture fastidiose ma non pericolose

Zanzare: punture fastidiose e basta?

Con l’arrivo dell’estate e l’aumento delle temperature, è comune trascorrere più tempo all’aperto, godendo della natura e delle attività all’aria aperta. Tuttavia, un piccolo nemico può rovinare questi momenti piacevoli: le zanzare. Sebbene le loro punture non siano pericolose, possono essere estremamente fastidiose e causare prurito e gonfiore. Fortunatamente, esistono rimedi naturali che possono aiutare a prevenire e alleviare i sintomi delle punture di zanzara, come la fitoterapia e l’uso di oli essenziali. In questo articolo, esploreremo alcune soluzioni efficaci per affrontare il problema delle zanzare.

zanzare punture fastidiose
Figura 1 – E’ risaputo che le punture delle zanzare sono molto fastidiose, ma la domanda è se sono anche pericolose: rispondiamo a questa domanda.

La fitoterapia come alleata contro le punture di zanzara

La fitoterapia, ossia l’utilizzo delle piante a fini terapeutici, può offrire un valido supporto per prevenire e attenuare il gonfiore e il prurito causati dalle punture di zanzara. Un rimedio molto utile è il macerato glicerico di gemme ontano nero (Alnus glutinosa), che aiuta anche a prevenire eventuali infezioni. Si consiglia di assumere 30 gocce di questo macerato in poca acqua a colazione e a cena, per un periodo di dieci giorni, a stomaco vuoto.

Un altro rimedio fitoterapico che può essere d’aiuto è il macerato glicerico di gemme di ribes nero (Ribes nigrum), che ha un’azione simile a quella del cortisone. Anche in questo caso, si consiglia di assumere il macerato a stomaco vuoto, ma solo al mattino e per una settimana.

Inoltre, per alleviare il prurito e il gonfiore, è possibile utilizzare un preparato a base di tintura madre di calendula (Calendula officinalis) e crema base neutra. Questo preparato deve essere applicato sulla zona interessata due volte al giorno, al mattino e alla sera. È importante notare che le donne in gravidanza, le donne che allattano e i bambini dovrebbero evitare l’uso di questo rimedio, come consigliato dalla dottoressa Gabriella Turco, psicoterapeuta esperta in fitoterapia e omeopatia.

Oli essenziali: un’arma naturale contro le zanzare

Gli oli essenziali possono essere utilizzati in modo efficace per prevenire e trattare le punture di zanzara. Due oli essenziali che possono offrire sollievo sono l’olio essenziale di basilico (Ocimum basilicum) e l’olio essenziale di camomilla (Matricaria chamomilla).

L’olio essenziale di basilico ha proprietà disinfettanti e antibatteriche, quindi può aiutare a prevenire infezioni. Per utilizzarlo, si consiglia di imbevere un bastoncino di cotone nell’olio essenziale di basilico e tamponare delicatamente le punture di zanzara.

L’olio essenziale di camomilla, invece, ha proprietà antinfiammatorie e disinfettanti. Applicandolo sulle punture, si può ridurre il rischio di infezioni. Anche in questo caso, si può utilizzare un bastoncino di cotone imbevuto nell’olio essenziale di camomilla e tamponare delicatamente le zone interessate.

La dottoressa Gabriella Turco consiglia anche di utilizzare il ghiaccio avvolto in un fazzoletto sulla zona puntura appena possibile, in quanto può aiutare ad alleviare il prurito. In alternativa, si può strofinare uno spicchio d’aglio sulla zona interessata.

Repellenti naturali: il potere del geranio

Per tenere lontane le zanzare, soprattutto se si è particolarmente sensibili alle loro punture, un rimedio naturale molto efficace è l’olio essenziale di geranio (Pelargonium graveolens).

In casa, è possibile utilizzare un bruciatore di essenze versandovi 10 gocce di olio essenziale di geranio. Questo aiuterà a mantenere lontane le zanzare durante le ore trascorse in casa.

Quando ci si trova all’aperto, si può preparare una soluzione a base di olio essenziale di geranio. Per fare ciò, diluire 5 gocce di olio essenziale di geranio in un cucchiaio di olio di argan. Questa miscela può essere spalmata sulla pelle, soprattutto sulle parti non coperte dai vestiti, prima di uscire di casa.

Quando le punture di insetti richiedono attenzione medica

Sebbene le punture di zanzara siano generalmente innocue, le punture di insetti come api, vespe o calabroni possono causare reazioni più gravi. Se dopo una puntura si manifestano sintomi come gonfiore alle labbra e alle palpebre, nausea, difficoltà di deglutizione o febbre, è importante cercare assistenza medica immediata. In questi casi, è consigliabile recarsi al pronto soccorso per una valutazione e un trattamento adeguati.

Le punture di zanzare sono fastidiose: sono anche pericolose?

Le punture di zanzara possono essere fastidiose, ma non rappresentano solitamente un rischio grave per la salute. Tuttavia, per evitare il fastidio e il disagio causati da queste punture, è possibile adottare alcune misure preventive e utilizzare rimedi naturali come la fitoterapia e gli oli essenziali. Ricordate sempre di consultare un esperto o un medico prima di utilizzare qualsiasi rimedio, specialmente se si hanno condizioni mediche preesistenti o si stanno assumendo farmaci. Godetevi l’estate all’aperto, prendendo precauzioni per proteggervi dalle fastidiose zanzare!

Fonti:

  • Turco, Gabriella. Esperta in fitoterapia e omeopatia. Le informazioni fornite dalla dottoressa Turco riguardano l’utilizzo dei rimedi fitoterapici e degli oli essenziali per alleviare i sintomi delle punture di zanzara.
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore di Microbiologia Italia. Mi sono laureato a Messina in Biologia con il massimo dei voti ed attualmente lavoro come microbiologo in un laboratorio scientifico. Amo scrivere articoli inerenti alla salute, medicina, scienza, nutrizione e tanto altro.

Lascia un commento