Infezioni Respiratorie nei Cani: Un Misterioso Patogeno Svelato?

Le segnalazioni riguardanti casi di infezioni respiratorie nei cani continuano ad affluire al Dipartimento per l’Agricoltura dell’Oregon. Ciò sta sollevando preoccupazioni tra i proprietari di animali domestici e gli esperti veterinari. Questo fenomeno ha destato l’attenzione sia a livello locale che nazionale, con casi segnalati non solo nell’Oregon ma anche in stati come il Colorado, l’Illinois e il New Hampshire.

I Sintomi da Tenere Sotto Controllo delle Infezioni Respiratorie nei Cani

I cani affetti da questa misteriosa malattia manifestano una serie di sintomi preoccupanti. Tra questi figurano febbre, sonnolenza, tosse persistente e secrezioni nasali aumentate. Tuttavia, ciò che rende questa infezione particolarmente insidiosa è l’infiammazione cronica della trachea o dei bronchi. Questa può protrarsi per diverse settimane senza rispondere agli antibiotici. Nei casi più gravi, si possono sviluppare polmoniti croniche o acute, che in alcuni casi possono risultare fatali in un arco di tempo incredibilmente breve, a volte entro 24-36 ore dalla comparsa dei sintomi.

Le Possibili Cause

Gli esperti stanno attualmente cercando di identificare il microrganismo responsabile di queste infezioni respiratorie nei cani. Alcuni esami hanno rivelato la presenza di Mycoplasma cynos, un batterio noto per causare disturbi respiratori nei cani. Tuttavia, questo potrebbe non essere l’unico colpevole dietro questa ondata di infezioni. Secondo Andrea Cantu-Schomus, direttore delle comunicazioni per il Dipartimento dell’Agricoltura dell’Oregon, ci sono indizi che suggeriscono un’origine virale, anche se i test diagnostici tradizionali non sembrano confermare questa ipotesi.

Una Ricerca Intensiva in Corso

Per gettare luce su questo enigma sanitario, l’Oda sta collaborando attivamente con ambulatori veterinari locali e il National Veterinary Services Laboratory del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Insieme stanno conducendo un’ampia campionatura e utilizzando test di sequenziamento genetico per identificare il patogeno responsabile di questa malattia misteriosa.

In conclusione, mentre veterinari ed esperti continuano a indagare su questa infezione respiratoria canina, è fondamentale che i proprietari di animali domestici rimangano vigili nei confronti dei sintomi e consultino tempestivamente un veterinario se notano qualsiasi segno di malessere nei loro cani. La comunità veterinaria sta lavorando instancabilmente per risolvere questo enigma e proteggere la salute dei nostri amici a quattro zampe.

Fonti:

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi