Emergenza in Valtellina: Camoscio Trovato con TBE

Nel cuore delle Alpi Orobie, precisamente a Rasura, in Valtellina, un evento preoccupante è giunto alla luce il 13 aprile scorso. Il ritrovamento di un camoscio con tracce di meningoencefalite da zecche (TBE), una malattia virale che può essere trasmessa anche all’uomo, ha destato serie preoccupazioni nelle comunità locali e oltre.

Analisi in Corso

Le prime analisi virologiche e sierologiche sulla carcassa dell’animale hanno evidenziato la presenza di parassiti positivi alla TBE. Tuttavia, Ats della Montagna ha precisato che al momento non sono state riscontrate positività su altri animali selvatici, ma solo sui parassiti reperiti sul camoscio. Le indagini sono ancora in corso per determinare l’origine precisa dell’infezione e verificare se vi siano altri casi nella zona.

Allargamento del Virus

Secondo l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, il virus della TBE è endemico in molte aree boschive d’Europa, incluso l’arco alpino. La presenza di un animale infetto in Piemonte indica un’allargamento della diffusione del virus. Tuttavia, il rischio di trasmissione all’uomo rimane basso e richiede la puntura di una zecca infetta.

Precauzioni Consigliate

Lopalco suggerisce alcune precauzioni per coloro che frequentano le zone endemiche, come controllare il corpo dopo una passeggiata nei boschi per individuare eventuali zecche e rimuoverle immediatamente. Il rischio di trasmissione aumenta con il tempo di permanenza della zecca sulla pelle.

Cos’è la TBE

La meningoencefalite da zecche è una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale, trasmessa dalle zecche del genere Ixodes, Dermacentor e Haemaphysalis. Può manifestarsi con sintomi simil-influenzali e, nei casi più gravi, con disturbi del sistema nervoso centrale.

Trattamento

In caso di morso di zecca, è possibile intervenire con un ciclo accelerato di vaccinazione contro la TBE. Tuttavia, questo ciclo potrebbe non garantire gli stessi risultati del ciclo classico, che prevede tre dosi e richiami a cadenza triennale.

Conclusione sul caso del Camoscio con TBE

L’allerta riguardante la presenza della TBE nei camosci delle Alpi Orobie sottolinea l’importanza della prevenzione e della sorveglianza nelle aree endemiche. La collaborazione tra autorità sanitarie, esperti e comunità locali è fondamentale per gestire e contenere la diffusione di questa malattia potenzialmente pericolosa.

FAQ:

  1. Qual è la TBE e come si trasmette? La TBE è una malattia virale trasmessa dalle zecche, che può colpire il sistema nervoso centrale.
  2. Quali sono i sintomi della TBE? I sintomi possono variare da lievi a gravi e includono febbre, mal di testa e, nei casi più gravi, disturbi neurologici.
  3. Come posso proteggermi dalla TBE? È consigliabile controllare il corpo dopo essere stati all’aperto in zone endemiche e rimuovere eventuali zecche.
  4. Esiste un vaccino contro la TBE? Sì, esistono vaccini contro la TBE che possono essere somministrati per prevenire la malattia.

Consigli per gli Acquisti:

  • Integratori consigliati: Link
  • Libri per la tua salute: Link
  • I nostri Libri: Link
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

1 commento su “Emergenza in Valtellina: Camoscio Trovato con TBE”

Lascia un commento