Ragno violino: l’animale notturno che si nasconde nelle nostre case

Introduzione

I ragni sono creature affascinanti che popolano il nostro pianeta in numerose varietà. Tra di essi, il ragno violino (Loxosceles rufescens) si distingue per la sua natura pericolosa nonostante l’aspetto apparentemente innocuo. In questo articolo esploreremo le caratteristiche di questo ragno velenoso, le sue abitudini, i sintomi e i pericoli associati al suo morso, nonché le misure da prendere in caso di puntura.

ragno violino
Figura 1 – In questa figura un morso del ragno violino

Il ragno violino: un pericolo inaspettato

Il ragno violino, noto anche come ragno eremita, deve il suo nome alla caratteristica macchia sul corpo che assomiglia a un violino. Questo ragno è di dimensioni relativamente piccole, con una lunghezza media di circa 7 mm per il maschio e 9 mm per la femmina. Il suo colore varia dal marrone al giallastro, ed è caratterizzato da lunghe zampe. Nonostante le sue dimensioni ridotte, è considerato uno dei ragni più velenosi presenti in Italia.

Secondo il Centro Antiveleni dell’Ospedale Niguarda di Milano, l’ultimo caso mortale causato dal morso di un ragno violino riguarda una donna di 51 anni residente a Marsala. Ciò dimostra la pericolosità di questa creatura che, sebbene solitamente viva all’interno delle abitazioni nelle regioni settentrionali per evitare il freddo invernale, può essere rinvenuta anche in spazi aperti come i giardini durante la stagione calda.

Abitudini e habitat del ragno violino

Il ragno violino è un animale notturno che durante il giorno si nasconde in fessure e anfratti. All’interno delle abitazioni, può trovare rifugio dietro ai mobili, nei battiscopa, sotto scatole di cartone e persino tra la biancheria. Inoltre, può occupare solai, scantinati e bagni come habitat preferiti. È importante fare attenzione quando si maneggiano oggetti o si indossano indumenti che potrebbero ospitare questo ragno pericoloso.

I sintomi del morso del ragno violino

Inizialmente, il morso del ragno violino può passare inosservato in quanto è asintomatico e indolore. L’area interessata non presenta immediatamente alcuna alterazione visibile. Tuttavia, dopo qualche ora, possono comparire prurito, bruciore e formicolio nell’area del morso. Entro le successive 48-72 ore, si sviluppa una lesione arrossata che può diventare necrotica e ulcerarsi.

È importante sottolineare che, oltre all’iniezione del veleno, il ragno violino può trasmettere batteri anaerobi (microrganismi che vivono in assenza di ossigeno) attraverso il suo morso. Questi batteri possono proliferare nei tessuti interessati e complicare la guarigione della lesione. La loro

azione può portare alla liquefazione dei tessuti circostanti e, nei casi più gravi, causare febbre, rash cutaneo, ecchimosi, danni muscolari, renali ed emorragie. In situazioni estreme, potrebbe essere necessario un trattamento in camera iperbarica per il paziente.

Cosa fare in caso di morso del ragno violino

Se si viene morsi da un ragno violino, è fondamentale agire prontamente e in modo appropriato. Ecco alcuni passi da seguire:

  1. Lavare abbondantemente con acqua e sapone l’area del morso per ridurre il rischio di infezioni.
  2. Cercare di catturare il ragno se presente e conservarlo, anche se ucciso. Questo potrebbe essere utile per l’identificazione successiva.
  3. Contattare immediatamente un Centro Antiveleni per ottenere consulenza e istruzioni specifiche, soprattutto se i sintomi locali si manifestano o peggiorano nelle ore successive al morso.
  4. Prestare attenzione a eventuali lesioni con una zona centrale arrossata che tende a scurirsi nel tempo. Questo potrebbe indicare una situazione più grave che richiede un’attenzione medica immediata.

È fondamentale ricordare che solo un esperto può fornire una diagnosi accurata e un trattamento adeguato in caso di morso di ragno violino. Non improvvisare cure fai-da-te o affidarsi a rimedi non provati, in quanto potrebbero peggiorare la situazione.

Altre specie di ragni pericolosi in Italia e nel mondo

In Italia, oltre al ragno violino, ci sono altre specie di aracnidi che possono rappresentare un pericolo per gli esseri umani. Queste includono la Segestria florentina, il ragno dal sacco giallo, la falsa tarantola e la vedova nera. Il morso della vedova nera può essere letale, anche se i casi sono estremamente rari. Al contrario, Segestria, ragno dal sacco giallo e falsa tarantola non provocano la morte, ma possono infliggere morsi estremamente dolorosi. È importante essere consapevoli di queste specie pericolose e adottare precauzioni adeguate quando si risiede in aree in cui potrebbero essere presenti.

A livello globale, quasi tutte le 40.000 specie di ragni conosciute sono velenose. Tuttavia, la maggior parte di esse non rappresenta una minaccia significativa per gli esseri umani, poiché i loro denti sono troppo corti o fragili per penetrare nella nostra pelle. Le reazioni sistemiche gravi sono più comuni con morsi di ragni come il ragno bruno violino (Loxosceles reclusa), il marrone recluso e la vedova marrone.

Un caso famoso: la cantante Meghan Linsey e il suo incontro con un ragno velenoso

Per comprendere meglio la gravità dei morsi di ragni velenosi, possiamo fare riferimento a un caso famoso che coinvolge la cantante americana Meghan Linsey. La cantante è stata morsa da un ragno velenoso, subendo conseguenze significative. Attraverso il suo account Instagram, ha condiviso la sua “odissea” e il difficile processo di guarigione, evidenziando una cicatrice sul suo viso. Ha dichiarato: “Sono solo grata di essere viva”.

Questo caso mette in luce l’importanza di prendere sul serio il pericolo rappresentato dai ragni velenosi e di adottare misure preventive per ridurre il rischio di morsi.

Conclusioni

Il ragno violino è un animale apparentemente innocuo, ma il suo morso può essere estremamente pericoloso. È essenziale conoscere le sue caratteristiche, gli habitat preferiti e i sintomi associati al suo morso. In caso di puntura, è fondamentale agire prontamente e contattare un Centro Antiveleni per ricevere consulenza medica. Inoltre, è importante essere consapevoli delle altre specie di ragni pericolosi presenti in Italia e nel resto del mondo, al fine di prendere le precauzioni necessarie per evitare morsi e possibili complicanze.

Ricordate sempre che la prevenzione è la migliore forma di protezione. Mantenere pulite le abitazioni, evitare di maneggiare oggetti sospetti e adottare cautele nei confronti di ragni e altri insetti velenosi può contribuire a ridurre il rischio di incontri indesiderati con queste creature pericolose.

Fonti:

  1. Centro Antiveleni dell’Ospedale Niguarda di Milano – https://www.niguarda.it/center/centro-antiveleni/loxosceles-rufescens-ragno-violino
  2. National Geographic – https://www.nationalgeographic.com/animals/invertebrates/group/spiders/
  3. Istituto Superiore di Sanità – http://www.iss.it/binary/publ/cont/12_19web.pdf
  4. https://www.microbiologiaitalia.it/batteriologia/spider-bacteria-come-la-seta-dei-ragni-viene-prodotta-da-batteri-ingegnerizzati/
  5. https://www.microbiologiaitalia.it/batteriologia/il-mito-della-seta-dei-ragni-con-poteri-antimicrobici/
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

1 commento su “Ragno violino: l’animale notturno che si nasconde nelle nostre case”

  1. Questo articolo crea solo un allarmismo spropositato verso i ragni.. piuttosto che la loro conoscenza.
    In Italia questa specie è presente da sempre e per quanto è bene sapere cosa può provocare e come agire nell’immediato, non è giusto incutere paura.
    Lascio un link dove informarsi un pelo più con consapevolezza, piuttosto che con luoghi comuni.
    https://www.aracnofilia.org/aracnologia/il-ragno-violino-e-cosi-pericoloso-loxosceles-rufescens-in-italia/#:~:text=Ad%20oggi%20nessun%20decesso%20pu%C3%B2,al%20morso%20di%20questo%20ragno.

    Rispondi

Lascia un commento