Allergia all’oro: Quando il “prezioso” diventa nemico della pelle

L’allergia all’oro (Au) è un fenomeno interessante e spesso sottovalutato che coinvolge alcune persone che indossano gioielli o oggetti contenenti questo prezioso metallo. Sebbene l’oro sia ampiamente apprezzato per la sua bellezza e durabilità, alcuni individui possono sviluppare una reazione avversa alla sua presenza sulla pelle. In questo articolo, esploreremo le cause dell’allergia all’oro, i sintomi associati e come gestire questa condizione. È fondamentale essere consapevoli di questo aspetto, poiché l’allergia può manifestarsi anche dopo anni di utilizzo senza alcun sintomo apparente.

Cos’è l’allergia all’oro?

L’allergia all’Au è una reazione ipersensibile del sistema immunitario nei confronti di particelle di oro che entrano in contatto con la pelle. Si tratta di una condizione rara, ma può essere estremamente fastidiosa per coloro che ne sono colpiti. Sensibilizzazione al nichel è un termine più specifico utilizzato per indicare l’allergia ai gioielli d’oro che contengono tracce di nichel, un metallo comunemente usato nelle leghe aurifere. In realtà, l’allergia è spesso causata dalla presenza di nichel e non direttamente dall’oro.

Cause dell’allergia all’oro

L’allergia all’oro è spesso associata alla presenza di nichel all’interno delle leghe aurifere. Molti gioielli e oggetti in oro contengono una percentuale variabile di nichel, che può causare una reazione negativa nella pelle di alcune persone. Quando il nichel viene a contatto con la pelle, può innescare una risposta del sistema immunitario, che riconosce il nichel come una sostanza estranea e produce anticorpi per combatterla. Questo processo di sensibilizzazione può richiedere del tempo, e quindi un individuo potrebbe indossare gioielli d’oro per anni prima di sviluppare i sintomi dell’allergia.

Sintomi dell’allergia all’oro

I sintomi dell’allergia all’oro possono variare da lievi a gravi e includono:

  1. Rash cutaneo: La pelle può sviluppare una eruzione cutanea pruriginosa e arrossata nella zona a contatto con il gioiello in oro contenente nichel.
  2. Prurito: Il prurito è un sintomo comune e fastidioso associato all’allergia all’Au.
  3. Bruciore o gonfiore: Alcune persone possono sperimentare una sensazione di bruciore o gonfiore nella zona interessata.
  4. Eczema da contatto: In alcuni casi, l’allergia all’oro può causare eczema da contatto, con pelle secca, squamosa e arrossata.

Diagnosi dell’allergia all’oro

Se si sospetta un’allergia all’oro, è essenziale consultare un dermatologo o un allergologo per una valutazione adeguata. Il medico può eseguire un test epicutaneo per determinare la sensibilità al nichel o ad altre sostanze presenti negli oggetti in oro. Durante il test, piccole quantità di diverse sostanze vengono applicate sulla pelle e osservate attentamente per eventuali reazioni.

Gestione e trattamento

La gestione dell’allergia all’Au comporta l’adozione di alcune misure per evitare il contatto con il nichel presente nei gioielli e negli oggetti in oro. Ecco alcuni suggerimenti utili:

  • Scegliere materiali ipoallergenici: Optare per gioielli realizzati con leghe prive di nichel, come l’oro a titolo elevato (ad esempio, 18 carati o superiore) o il platino.
  • Gioielli con rivestimento protettivo: Alcuni gioielli in oro possono essere rivestiti con materiali che riducono il contatto diretto del nichel con la pelle.
  • Evitare contatto prolungato: Limitare il tempo di indossare gioielli d’oro, soprattutto in caso di sudorazione e umidità.
  • Utilizzare barriere protettive: Applicare del vernice trasparente o del nastro adesivo sulla superficie interna dei gioielli per ridurre il contatto diretto del nichel con la pelle.

Aspetti interessanti sull’allergia all’oro

  • L’allergia all’Au può manifestarsi anche in persone che non hanno mai avuto problemi con i gioielli prima, poiché la sensibilizzazione può avvenire nel corso del tempo.
  • Gli orologi e altri oggetti metallici possono contenere nichel e causare reazioni allergiche simili.
  • Le donne sono più soggette a sviluppare allergie all’Au rispetto agli uomini, forse a causa del maggior utilizzo di gioielli.

Conclusione

L’allergia all’Au è una condizione importante da considerare per chi indossa gioielli o oggetti in oro. La sensibilizzazione al nichel presente nelle leghe aurifere può causare fastidi e irritazioni cutanee significative. Se si sospetta di avere un’allergia all’Au, è fondamentale consultare un medico per una diagnosi accurata e adottare misure preventive per evitare il contatto con il nichel. Ricordate sempre che la sicurezza e la salute della pelle sono cruciali, anche quando si tratta di indossare gioielli così belli come l’oro.

Fonti

  1. Medscape. “Contact Dermatitis.” (https://emedicine.medscape.com/article/1049216-overview)
  2. Specie batteriche sui gioielli, che lusso!
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento