H. Boyd Woodruff, uno scienziato straordinario

Harold Boyd Woodruff, figlio di un agricoltore, la cui ricerca innovativa ha permesso agli scienziati di scoprire ed ottenere un arsenale di antibiotici, è morto il 19 gennaio nella sua casa di Watchung alla veneranda età di 99 anni.

H. Boyd Woodruff si è laureato in chimica del suolo nel 1939, ed ha successivamente conseguito un dottorato in microbiologia. Lo scienziato ha ispirato nei primi anni ’40 il rapido sviluppo della streptomicina, la cura miracolosa usata per trattare la tubercolosi, il tifo, la peste e altre malattie che non avevano ancora alcuna cura. Secondo Douglas E. Eveleigh, professore emerito di biochimica e microbiologia presso la Rutgers University, “Questo è stato il momento eureka per la scoperta di antibiotici; grazie a queste scoperte l’industria farmaceutica ha preso piede molto rapidamente, e da questo momento seguirono una valanga di antibiotici“. Infine prosegue sostenendo che “Questo è dipeso tutto dalla capacità dello screening antibiotico di Woodruff.

Nel 1942, Woodruff ha lasciato il suo laboratorio presso la Rutgers per unirsi al gigante farmaceutico Merck & Company, dove ha supervisionato l’introduzione di altri antibiotici, vitamine B12 e C, riboflavina. Sono inoltre dovute al lavoro di Woodruff  in questo periodo la scoperta di una cura per un tumore raro (il tumore di Wilms), di un vaccino contro la polmonite e infine dell’avermectina, un farmaco usato anche per la cura della cecità fluviale. Lo sviluppo di quest’ultimo farmaco gli ha garantito l’assegnazione del premio Nobel per la fisiologia e medicina (per approfondire questa patologia clicca qui).

Ispirandosi agli esperimenti di Alexander Fleming con la penicillina e alla ricerca da un ex studente laureato alla Rutgers University, René Dubos del Rockefeller Institute (ora Rockefeller University), il Dr. Waksman ha incoraggiato Woodruff a indagare se gli attinomiceti, batteri filiformi presenti nel terreno, avrebbero potuto produrre quello che sarebbe stato conosciuto come streptomicina. Woodruff riuscì, dopo svariati esperimenti, ad isolare due microbi e purificare gli antibiotici, inizialmente l’actinomicina, che successivamente trovò un’efficacia nella cura della tubercolosi, e più tardi la streptomicina.

Quando si parla di scoperte e sviluppo di antibiotici bisognerà quindi ricordarsi più spesso di Harold Boyd Woodruff, la cui genialità e caparbietà hanno garantito la nascita di misure efficaci contro importanti malattie. Si spegne a 99 anni un uomo ed uno scienziato straordinario.

Francesco Centorrino

Fonti: NYTimes

Foto dell'autore

Redazione

Siamo la redazione di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Abbiamo creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento