Paese che vai, batteri che trovi!

Northern Arizona University di Flagstaff hanno pubblicato un interessantissimo articolo sull’American Society for Microbiology in cui si sono confrontate le comunità microbiche di Flagstaff, San Diego e Toronto. L’evidenza è stata quella che ogni luogo ha una propria diversificazione in termini di generi e specie microbiche e l’uomo, in particolare la cute, è una delle causali principali di questo differenziamento. Per questo studio sono stati utilizzati il 16S rRNA gene sequencing e l’ITS-1 per identificare le comunità batteriche presenti in ciascun campione, in associazione anche a sensori che hanno permesso di registrare la temperatura, l’umidità e la luce, parametri che influenzato il metabolismo delle comunità microbiche. Sono state anche collocate delle piastre di campionamento sul pavimento, sul soffitto e sulla parate, ed i risultati hanno dimostrato che, a prescindere dal luogo, il pavimento presenta comunità microbiche più diversificate e più numerose rispetto al soffitto e alla parete. In conclusione questo studio ha permesso di chiarire una questione molto importante, ossia che il principale vettore batterico è l’uomo ed è proprio l’uomo, con le proprie abitudini e differenze culturali, che determina la diversificazione delle comunità microbiche da una città all’altra, e spesso da un ambiente ad un altro.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Hai suggerimenti che possano aumentare la qualità dei nostri contenuti sul sito di Microbiologia Italia o vuoi fornirci dei feedback per fare sempre meglio? Contattaci. Diffondi la scienza con noi e seguici su FacebookInstagramLinkedIn, TikTok, Twitter, Telegram e Pinterest. Ti piacciono i nostri articoli? Aiutaci con una Donazione o iscriviti alla nostra Newsletter ufficiale e potrai ricevere gratuitamente i fantastici articoli che giornalmente verranno pubblicati sul sito.

Rispondi