Orcinus Orca – l’Orca assassina

L’orca (Orcinus orca), detta anche orca assassina, è una “balena dentata” appartenente alla famiglia dei “delfini oceanici” (Delphinidae), di cui è il membro più grande. È l’unica specie esistente del genere Orcinus ed è riconoscibile per il suo corpo a motivi bianchi e neri. Inoltre, sono uniche tra i cetacei, poiché le loro sezioni caudali si allungano con l’età, rendendo le loro teste relativamente più corte in proporzione al resto del corpo. Una specie cosmopolita, le orche possono trovarsi in tutti gli oceani del mondo, in una varietà di ambienti marini, che vanno dalle regioni artiche e antartiche, fino ai mari tropicali. Nonostante tutto, forse la caratteristica più degna di nota è proprio la sua intelligenza, il che lo rende un animale sociale molto complesso, oltre ad attribuirgli la nomea di spietato predatore.

Primo piano di Orcinus orca.
Figura 1 – Primo piano di Orcinus orca. [Fonte: https://www.peakpx.com/]

Filogenesi di Orcinus Orca

DominioEukaryota
Regno Animalia
SuperphylumDeuterostomia
PhylumChordata
Classe Mammalia
OrdineCetartiodactyla
SottordineOdontoceti
FamigliaDelphinidae
GenereOrcinus
SpecieO. orca
Nomenclatura
Binomiale
Orcinus orca
Linnaeus, 1758
Tabella 1 – Classificazione scientifica della specie O. orca.

Denominazione

Nonostante il suo aspetto e le dimensioni, la specie è più strettamente imparentata con altri delfini oceanici che con altre balene. Dal 1960, l’uso di “orca” invece di “orca assassina” è cresciuto costantemente nell’uso comune.

A volte sono indicati come “pesce nero”, un nome usato anche per altre specie di balene. “Grampus” è un vecchio nome per la specie, ma ora è usato raramente. Tale ormai obsoleta nominazione non deve essere confusa con il genere Grampus, il cui unico membro è il delfino di Risso.

Il nome del genere Orcinus è un aggettivo che si riferisce all’Orco, che per i Romani era un dio dell’oltretomba. Gli antichi romani originariamente usavano orca (pl. orcae) per denominare questi animali, termine forse influenzato dal greco antico: ὄρυξ (óryx), che significa “grosso pesce”.

Tassonomia

Orcinus orca è l’unica specie esistente riconosciuta nel genere Orcinus

L’orca è una delle 35 specie della famiglia dei delfini oceanici, apparsa per la prima volta circa 11 milioni di anni fa. Il lignaggio delle orche probabilmente si divise poco dopo. Sebbene abbiano somiglianze morfologiche con la falsa orca, l’orca pigmea e i globicefali, uno studio delle sequenze del gene del citocromo b indica che i suoi parenti più stretti esistenti siano i delfini camuso del genere Orcaella. Tuttavia, uno studio più recente (2018) colloca l’orca come “sister taxon” dei Lissodelphininae, un clade che include Lagenorhynchus e Cephalorhynchus. Uno studio filogenetico del 2019 ha rilevato che l’orca è uno dei membri più basali dei Delphinidae, seconda solo al delfino atlantico dai fianchi bianchi (Leucopleurus acutus).

Tipi di Orcinus Orca

Si possono distinguere dai tre ai cinque tipi di orche, tanto da essere considerate razze diverse, sottospecie, o forse, perfino, specie separate. La IUCN ha riferito nel 2008: “La tassonomia di questo genere ha chiaramente bisogno di essere rivista, ed è probabile che O. orca sarà divisa in un certo numero di specie diverse o almeno sottospecie nei prossimi anni”.

Sebbene le grandi variazioni nella distintività ecologica dei diversi gruppi di orche complichino la semplice differenziazione in tipi, le ricerche al largo della costa occidentale del Nord America hanno identificato tre categorie: i “residenti” mangiatori di pesce, i “transitori” mangiatori di mammiferi e gli “offshore” (i gruppi che si trovano a largo, lontani dalla costa). Altre popolazioni non sono state studiate altrettanto bene, anche se le orche specializzate nel cacciare pesci o mammiferi sono state distinte altrove. Le orche mangiatrici di mammiferi, presenti in diverse regioni, sono state a lungo ritenute strettamente correlate, ma i test genetici hanno confutato questa ipotesi. Inoltre sono stati documentati quattro categorie in Antartide, tipi A-D.

Alcuni scienziati sovietici, nel corso del 1980, hanno descritto due specie nane, chiamate Orcinus nanus e Orcinus glacialis. Ciononostante, la maggior parte dei ricercatori sui cetacei sono scettici sul loro status.

Il sequenziamento mitocondriale completo indica che i due gruppi antartici (tipi B e C) dovrebbero essere riconosciuti come specie distinte, così come i transienti del Pacifico settentrionale, lasciando gli altri come sottospecie in attesa di ulteriori dati. Inoltre, uno studio del 2019 sulle orche di tipo D ha scoperto che queste si distinguevano dalle altre popolazioni e che forse potessero essere considerate come specie a sé.

Differenze morfologiche dei Tipi A-D dell'Antartide.
Figura 2 – Differenze morfologiche dei Tipi A-D dell’Antartide. [Fonte: https://www.bing.com/?FORM=Z9FD1]

Anatomia

Le orche sono i più grandi membri esistenti della famiglia dei delfini. I maschi in genere variano da 6 a 8 metri di lunghezza e pesano oltre 6 tonnellate. Tuttavia, il più grande esemplare registrato misurava 9,8 metri e pesava più di 10 tonnellate. Le femmine sono più piccole, generalmente vanno da 5 a 7 m e pesano circa 3-4 tonnellate. I piccoli alla nascita pesano circa 180 kg e sono lunghi circa 2,4 m. Lo scheletro dell’orca è tipico di un delfino oceanico, ma più robusto.

Scheletro di O. orca.
Figura 3 – Scheletro di O. orca. [Fonte: https://www.deviantart.com/]

Il muso è smussato e manca del becco tipico di altre specie. I denti dell’orca sono molto forti e le sue mascelle esercitano una presa potente; I denti superiori cadono negli spazi tra i denti inferiori quando la bocca è chiusa. I denti centrali tengono la preda in posizione, mentre i denti anteriori sono leggermente inclinati in avanti e verso l’esterno, per proteggerli da potenti movimenti a scatti.

Particolare della bocca di O. orca.
Figura 4 – Particolare della bocca di O. orca. [Fonte: https://www.earth.com/]

Le orche hanno una buona vista sopra e sotto l’acqua, un udito eccellente e un buon senso del tatto. Hanno capacità di ecolocalizzazione eccezionalmente sofisticate, rilevando la posizione e le caratteristiche delle prede e di altri oggetti nell’acqua emettendo clic e ascoltando gli echi, come fanno altri membri della famiglia dei delfini. La temperatura corporea media dell’orca è da 36 a 38 ° C. Come la maggior parte dei mammiferi marini, le orche hanno uno strato di grasso isolante che va da 7,6 a 10 cm di spessore sotto la pelle. La frequenza cardiaca è di circa 60 battiti al minuto quando l’orca è in superficie, scendendo a 30 battiti/min quando è immersa.

Confronto tra le dimensioni di un essere umano, un grande squalo bianco ed un orca.
Figura 5 – Confronto tra le dimensioni di un essere umano, un grande squalo bianco ed un orca. [Fonte: https://en.m.wikipedia.org/wiki/Main_Page]

Pigmentazione di Orcinus Orca

Con la loro caratteristica pigmentazione, le orche adulte sono raramente confuse con altre specie. Se visti da lontano, i giovani possono essere confusi con le false orche o i delfini di Risso. L’orca ha tipicamente un corpo nettamente contrastato, essendo per lo più nero sul lato superiore e bianco sul lato inferiore. Tutta la mascella inferiore è bianca e da qui la colorazione si estende attraverso la zona sottostante del corpo fino alla zona genitale. Anche la parte inferiore della pinna caudale è bianca, mentre gli occhi hanno macchie bianche di forma ovale dietro e sopra di loro. Infine esiste una “macchia a forma di sella” grigia o bianca dietro la pinna dorsale, che attraversa la schiena. 

Maschi e femmine possono avere differenze di colore nelle aree genitali. Nei piccoli le aree bianche sono di colore giallo o arancione. Le orche antartiche possono avere il dorso da grigio pallido a quasi bianco. Alcune orche antartiche sono marroni e gialle a causa delle diatomee nell’acqua. Inoltre sono state documentate sia orche albine che melaniche.

Dimorfismo sessuale

Le pinne pettorali delle orche sono grandi e arrotondate, simili a pagaie, con quelle dei maschi significativamente più grandi di quelle delle femmine. Le pinne dorsali mostrano un vero e proprio dimorfismo sessuale, con quelle dei maschi alte circa 1,8 m (più del doppio delle dimensioni della femmina), con la pinna del maschio più simile a un triangolo isoscele allungato, mentre quella della femmina risulta più curva. Nel cranio, i maschi adulti hanno mascelle inferiori più lunghe rispetto alle femmine, così come creste occipitali più grandi.

Esempi di dimorfismo sessuale nella specie O. orca.
Figura 6 – Esempi di dimorfismo sessuale nella specie O. orca. [Fonte: https://free3d.com/]

Riconoscimento degli individui

Una singola orca può spesso essere identificata dalla sua pinna dorsale e dalla “zona della sella”, presente sul dorso. Variazioni come scalfitture, graffi e strappi sulla pinna dorsale e il motivo bianco o grigio nella colorazione della “sella” sono unici. L’identificazione fotografica ha permesso di contare la popolazione locale di orche ogni anno piuttosto che stimarla e ha permesso una grande comprensione dei cicli di vita e delle strutture sociali.

Biologia

Ciclo vitale di Orcinus Orca

Le femmine di orca iniziano a maturare intorno ai 10 anni e raggiungono il picco di fertilità a 20 anni circa, sperimentando periodi di ciclo poliestrale, separati da periodi non ciclici dai tre ai 16 mesi. Le femmine possono spesso riprodursi fino all’età di 40 anni, seguita da una rapida diminuzione della fertilità. Le orche sono tra i pochi animali che vanno in menopausa e vivono per decenni dopo aver terminato la riproduzione. La durata della vita delle femmine selvatiche è in media di 50-80 anni.

I maschi, invece, maturano sessualmente all’età di 15 anni, ma in genere non si riproducono fino all’età di 21 anni. I maschi selvatici vivono in media intorno ai 29 anni, con un massimo di circa 60 anni. Essi si accoppiano con le femmine di altri branchi, il che impedisce la consanguineità. La gestazione varia dai 15 ai 18 mesi. Le madri di solito partoriscono un singolo piccolo, circa una volta ogni cinque anni. Nei branchi residenti, le nascite avvengono in qualsiasi periodo dell’anno, anche se l’inverno è il più comune. La mortalità è estremamente elevata durante i primi sette mesi di vita (circa il 37-50% di tutti i cuccioli). Lo svezzamento inizia a circa 12 mesi di età ed è completo entro i due anni. Secondo le osservazioni in diverse regioni, tutti i membri del branco (sia maschi che femmine) partecipano alla cura dei piccoli.

Si pensa che le orche tenute in cattività tendano ad avere una vita più breve rispetto a quelle in natura, anche se questo è oggetto di dibattito scientifico.

Alimentazione di Orcinus Orca

Le orche sono predatori apicali, il che significa che esse stesse non hanno predatori naturali. A volte sono chiamati “lupi del mare”, perché cacciano in gruppi come branchi di lupi. Le orche cacciano varie prede tra cui pesci, cefalopodi, mammiferi, uccelli marini e tartarughe marine. Diverse popolazioni o ecotipi possono specializzarsi e alcuni possono avere un impatto drammatico sulle specie predate. Tuttavia, nelle aree tropicali, sembrano avere diete più generalizzate a causa della minore produttività alimentare. Le orche trascorrono la maggior parte del loro tempo a basse profondità ma occasionalmente si immergono per diverse centinaia di metri a seconda del tipo di preda.

Il cannibalismo dell’orca è stato segnalato anche sulla base dell’analisi del contenuto dei loro stomaci, ma è probabile che questo sia il risultato di resti scaricati dai balenieri, dei quali si sono nutriti come spazzini. Inoltre è stato osservato un attacco ad un’orca da parte dei suoi compagni, dopo essere stata colpita.

Pesci

Le orche che si nutrono di pesce predano circa 30 specie di pesci. Alcune popolazioni del mare norvegese e della Groenlandia sono specializzate nell’aringa e seguono la migrazione autunnale di questo pesce verso la costa norvegese. 

Il salmone rappresenta il 96% della dieta dei residenti del Pacifico nord-orientale, inclusa, per il 65%, la specie del salmone reale, (Oncorhynchus tshawytscha). Le orche si nutrono anche del salmone Keta (O. keta), ma specie più piccole come il salmone rosso (O. nerka) e il salmone rosa (O. gorbuscha) non sono un alimento significativo. In media, un’orca mangia 227 chilogrammi di cibo ogni giorno.

Mentre i salmoni sono solitamente cacciati da un singolo esemplare o da un piccolo gruppo, le aringhe sono spesso catturate utilizzando una tecnica definita “alimentazione a carosello”: parte del gruppo accerchia il banco di aringhe rilasciando bolle rumorose ed emettendo dei flash mettendo in mostra il loro ventre bianco. Poi colpiscono violentemente con le pinne caudali lo spazio in cui è costretto il banco, stordendo o uccidendo fino a 15 pesci alla volta, per poi mangiarli uno per uno. L’alimentazione a carosello è stata documentata solo nella popolazione di orche norvegesi, così come in alcune specie di delfini oceanici. Alcuni delfini riconoscono le orche che mangiano pesce (di solito residenti) come innocue e rimangono nella stessa area.

Squali e razze

In Nuova Zelanda, gli squali e le razze sembrano essere prede importanti, tra cui le aquile di mare australiane (Myliobatis tenuicaudatus), le pastinache dalla coda spinosa (Dasyatis thetidis) e liscia (Bathytoshia brevicaudata), gli squali volpe (Alopias vulpinus), gli squali martello (Sphyrna zygaena), le verdesche (Prionace glauca), gli squali elefante (Cetorhinus maximus) e i mako (Isurus oxyrinchus). Con gli squali, le orche possono spingerli in superficie e colpirli con la coda, mentre le razze che vivono sul fondo vengono accerchiate, bloccate a terra e portate in superficie. In altre parti del mondo, le orche hanno predato gli squali manzo “nasolargo” (Notorynchus cepedianus), i piccoli squali balena (Rhincodon typus) e persino i grandi squali bianchi (Carcharodon carcharias).

La competizione tra orche e squali bianchi è probabile nelle regioni in cui le loro diete si sovrappongono. L’arrivo delle orche in un’area può indurre gli squali bianchi a fuggire e a foraggiarsi altrove. Le orche sembrano prendere di mira il fegato degli squali.

Mammiferi

Le orche sono sofisticate ed efficaci predatrici di mammiferi marini. Sono stati registrati attacchi ad altre specie di cetacei, di solito delfini più piccoli e focene, come delfini comuni (Delphinus delphis), tursiopi (specie del genere Tursiops), il lagenorinco dai denti obliqui (Sagmatias obliquidens), il lagenorinco scuro (Sagmatias obscurus), focene comuni (Phocoena phocoena) e focene di Dall (Phocoenoides dalli).

Durante la caccia a queste specie, le orche di solito devono inseguirle fino allo sfinimento. Per le specie altamente sociali, i branchi di orche cercano di separare un individuo dal suo gruppo. I branchi più numerosi hanno maggiori possibilità di impedire alla loro preda di fuggire. Le orche artiche possono attaccare beluga e narvali bloccati in pozze chiuse dal ghiaccio marino; le prime vengono anche spinte in acque meno profonde, dove vengono catturati i giovani. Al contrario, le orche sembrano diffidare dei globicefali, poiché sono state registrate aggressioni ed inseguimenti da parte di questa specie.

Grandi balene

Le orche predano anche specie più grandi come capodogli (Physeter macrocephalus), balene grigie (Eschrichtius robustus), megattere (Megaptera novaeangliae) e balenottere minori. Nel 2019, le orche hanno ucciso una balenottera azzurra (Balaenoptera musculus) in tre diverse occasioni al largo della costa meridionale dell’Australia occidentale, tra cui un individuo stimato di 18-22 metri. Le grandi balene richiedono molto sforzo e coordinazione per essere uccise e le orche spesso prendono di mira i cuccioli. Una caccia inizia con un inseguimento seguito da un violento attacco alla preda esausta. Le grandi balene mostrano spesso segni di attacco da parte delle orche attraverso i segni di raschiatura dei denti sul corpo. 

I branchi di capodogli femmine a volte si difendono formando un cerchio protettivo intorno ai loro piccoli con le pinne rivolte verso l’esterno, usandole per respingere gli aggressori. Ci sono anche prove che le megattere, come forma di difesa, infastidiscano le orche che attaccano i cuccioli di megattera o i giovani, nonché i membri, di altre specie.

Foche e leoni marini

Altri mammiferi marini predati includono specie di foche come le foche comuni (Phoca vitulina), le foche di Weddell (Leptonychotes weddellii), gli elefanti marini (genere Mirounga), le otarie della California (Zalophus californianus), i leoni marini di Steller (Eumetopias jubatus), i leoni marini sudamericani (Otaria flavescens) e i trichechi (Odobenus rosmarus). Spesso, per evitare ferite, le orche stordiscono la loro preda prima di ucciderla e mangiarla. Ciò può comportare: lanciarla in aria, schiaffeggiarla con la coda, speronarla o travolgerla ed atterrarci sopra.

In spiagge ripide al largo della Penisola di Valdés, in Argentina, e le isole Crozet, le orche si nutrono di leoni marini ed elefanti marini in acque poco profonde, anche spiaggiandosi temporaneamente per afferrare la preda prima di divincolarsi di nuovo in mare. Lo spiaggiamento, di solito fatale per i cetacei, non è un comportamento istintivo e può richiedere anni di pratica per i piccoli. Le orche possono quindi rilasciare l’animale vicino agli esemplari più giovani, consentendogli di praticare questa difficile tecnica di cattura, sulla preda ormai indebolita.

In Antartide le orche sfruttano la tecnica della “caccia con le onde”: inizialmente attuano lo “spy-hop” (letteralmente “spionaggio”), è un comportamento utilizzato da molti cetacei che consiste in un’emersione verticale della testa dalla superficie, che può avere varie funzioni, in questo caso per localizzare le foche che riposano sui banchi di ghiaccio; in seguito nuotano in gruppi per creare onde che si riversano sul lastrone ghiacciato. In questo modo la preda viene spinta nell’acqua, dove altre orche sono in agguato.

Scatto che riprende la fase cruciale della tecnica di "caccia con le onde".
Figura 7 – Scatto che riprende la fase cruciale della tecnica di “caccia con le onde”. [Fonte: https://en.m.wikipedia.org/wiki/Main_Page]

Le orche sono state osservate predare mammiferi terrestri, come i cervi che nuotano tra le isole al largo della costa nord-occidentale del Nord America.

Sebbene le orche residenti non siano mai state osservate mangiare altri mammiferi marini, occasionalmente molestano e uccidono focene e foche senza una ragione apparente.

Uccelli

Le orche si nutrono anche di uccelli marini, ma sono più propense a ucciderli e a non mangiarli. Le specie di pinguini registrate come prede nelle acque antartiche e sub-antartiche includono pigoscelidi comuni (Pygoscelis papua), pigoscelidi antartici (Pygoscelis antarcticus), pinguini reali (Aptenodytes patagonicus) e pinguini saltaroccia (Eudyptes chrysocome).

Le orche in molte aree possono predare cormorani (Famiglia Phalacrocoracidae) e gabbiani (Famiglia Laridae). Un’orca in cattività nel MarineLand (zoo a tema in Canada) ha scoperto che rigurgitando pesci in superficie, era in grado di attirare i gabbiani, così da poterli catturare per cibarsene. Altri quattro esemplari hanno poi imparato ad imitare tale comportamento.

Scatto che mostra lo "spy-hop" messo in pratica da un gruppo di orche.
Figura 8 – Scatto che mostra lo “spy-hop” messo in pratica da un gruppo di orche. [Fonte: https://www.ctvnews.ca/]

Comportamento di Orcinus Orca

Il comportamento quotidiano delle orche consiste generalmente nel cacciare, viaggiare, riposare e socializzare. Le orche spesso adottano “comportamenti di superficie” come il “breaching” (saltare completamente fuori dall’acqua) ed il “tail-slapping” (dare uno schiaffo con la coda sulla superficie dell’acqua). Queste attività possono avere una varietà di scopi, come il corteggiamento, la comunicazione, l’allontanamento dei parassiti o il gioco. Le orche residenti sono solite nuotare accanto alle focene e ad altri delfini.

Si è osservato in più di un’occasione il bizzarro comportamento da parte delle orche di attaccare ed uccidere una potenziale preda, senza avere lo scopo di cibarsene in seguito. Ad esempio, una troupe cinematografica della BBC ha visto un’orca nella Columbia Britannica “giocare” con un maschio di leone marino di Steller fino allo sfinimento, ma non mangiarlo.

Struttura sociale

Le orche sono note per le loro società complesse. Solo gli elefanti e i primati superiori vivono in strutture sociali comparabili alle loro. A causa dei complessi legami sociali delle orche, molti esperti marini sono preoccupati di quanto sia umano tenerle in cattività.

Le Matrilinee

Le orche residenti nel Pacifico settentrionale orientale vivono in gruppi sociali particolarmente complessi e stabili. A differenza di qualsiasi altra struttura sociale di mammiferi conosciuta, le orche residenti vivono con le loro madri per tutta la vita. Questi gruppi familiari si basano su matrilinee costituite dalla femmina più anziana (matriarca) e dai suoi figli e figlie, e dai discendenti delle sue figlie, ecc. La dimensione media di una matrilinea è di 5,5 animali. Poiché le femmine possono raggiungere i 90 anni, ben quattro generazioni viaggiano insieme. Questi gruppi matrilineari sono altamente stabili. Gli individui si separano solo per poche ore alla volta, per accoppiarsi o foraggiarsi. Con un’eccezione (un’orca di nome Luna), non è stata registrata alcuna separazione permanente di un individuo da una matrilinea residente.

I pod

Le matrilinee strettamente imparentate formano aggregazioni ampie chiamate “pod”, di solito costituite da una a quattro matrilinee. A differenza delle matrilinee, i pod possono separarsi per settimane o mesi. Il test del DNA indica che i maschi residenti si accoppiano quasi sempre con femmine di altri pod. I clan, il livello successivo della struttura sociale residente, sono composti da pod con dialetti simili e comune, ma più antica, eredità materna. Gli intervalli dei clan si sovrappongono, mescolando pod di clan diversi. Il più alto livello di associazione è la comunità, che consiste in pod che si associano regolarmente tra loro, ma non condividono relazioni materne o dialetti.

I pod transitori sono più piccoli di quelli residenti, in genere costituiti da una femmina adulta e da una o due della sua prole. I maschi in genere mantengono relazioni più forti con le loro madri rispetto alle altre femmine. Questi legami possono estendersi fino all’età adulta. A differenza dei residenti, la separazione estesa o permanente della prole transitoria dalle matrilinee natali è comune, con la partecipazione di giovani e adulti di entrambi i sessi. Alcuni maschi diventano “rover” e non formano associazioni a lungo termine, unendosi occasionalmente a gruppi che contengono femmine riproduttive. Come nei clan residenti, i membri transitori della comunità condividono un repertorio acustico, anche se sono state notate differenze regionali nelle vocalizzazioni.

Altri aspetti

Sia per i residenti che per i transienti, lo stile di vita di questi cetacei sembra riflettere la loro dieta; Le orche che si nutrono di pesce al largo della Norvegia hanno strutture sociali tipiche dei residenti, mentre le orche che si nutrono di mammiferi in Argentina e nelle isole Crozet si comportano più come transienti.

Le orche dello stesso sesso e della stessa fascia d’età possono impegnarsi in azioni quali contatti fisici ed emersioni sincrone. Questi comportamenti non si verificano casualmente tra gli individui in un pod, fornendo prove di relazioni di “amicizia”.

Vocalizzazioni

Come tutti i cetacei, le orche dipendono fortemente dal suono subacqueo per l’orientamento, l’alimentazione e la comunicazione. Producono tre categorie di suoni: clic, fischi e richiami pulsati. Si ritiene che i clic vengano utilizzati principalmente per la navigazione e la distinzione di prede e altri oggetti nell’ambiente circostante, ma sono anche comunemente uditi durante le interazioni sociali.

Differenze tra transienti e residenti

I gruppi residenti nel Pacifico nord-orientale tendono ad essere molto più rumorosi dei gruppi transitori nelle stesse acque. I residenti si nutrono principalmente di salmone reale e Keta, che sono insensibili ai richiami delle orche (dedotto dall’audiogramma del salmone atlantico). Al contrario, i mammiferi marini, preda dei transienti, sentono bene i richiami delle balene e quindi i transienti sono tipicamente silenziosi. Il comportamento vocale in questi cetacei è principalmente limitato alle attività di emersione e “milling” (nuoto lento senza direzione apparente) dopo un’uccisione.

Il concetto di “dialetto”

Tutti i membri di un pod residente utilizzano chiamate simili, note collettivamente come “dialetto”. I dialetti sono composti da specifici numeri e tipologie di richiami, discreti e ripetitivi. Essi sono complessi e stabili nel tempo. I modelli e la struttura di richiamo sono distintivi all’interno delle matrilinee. I neonati producono richiami simili alle loro madri, ma hanno un repertorio più limitato. Gli individui probabilmente imparano il loro dialetto attraverso il contatto con i membri del branco. I richiami specifici della famiglia sono stati osservati più frequentemente nei giorni successivi alla nascita di un piccolo, il che può aiutare quest’ultimo ad apprenderli. 

I dialetti sono probabilmente un mezzo importante per mantenere l’identità e la coesione di gruppo. La somiglianza nei dialetti riflette probabilmente il grado di parentela tra i pod, con variazioni che crescono nel tempo. Quando i pod si incontrano, i richiami utilizzati in maniera dominante diminuiscono ed un sottoinsieme di richiami, utilizzati meno frequentemente, aumenta. L’uso di entrambi i tipi di richiami è chiamato “bifonazione”. L’aumento nell’utilizzo del sottoinsieme di richiami può essere il fattore di distinzione tra i pod e le relazioni tra pod.

Confronto tra residenti e transienti sotto vari aspetti, comprese le vocalizzazioni.
Figura 9 – Confronto tra residenti e transienti sotto vari aspetti, comprese le vocalizzazioni. [Fonte: https://hakaimagazine.com/]

I dialetti distinguono anche le varie popolazioni (tipi). I dialetti residenti contengono da sette a 17 (media = 11) tipi di richiami distintivi. Tutti i membri della comunità transitoria della costa occidentale del Nord America esprimono lo stesso dialetto di base, anche se sono evidenti piccole variazioni regionali nelle tipologie di richiamo. Ricerche preliminari indicano che le orche “offshore” hanno dialetti specifici del gruppo, a differenza di quelli dei residenti e dei transienti.

La complessità

Le orche norvegesi e islandesi che si nutrono di aringhe sembrano avere vocalizzazioni diverse per varie attività, come la caccia. Una popolazione che vive nello stretto di McMurdo, in Antartide, hanno 28 complessi di richiami, basati su impulsi a raffica e fischi.

Grafico che mostra le differenze nelle frequenze sonore per ogni tipologia di vocalizzazione.

Figura 10 – Grafico che mostra le differenze nelle frequenze sonore per ogni tipologia di vocalizzazione. [Fonte: https://www.researchgate.net/]

Intelligenza

Le orche hanno il secondo cervello più pesante tra i mammiferi marini (dopo i capodogli, che hanno il cervello più grande di qualsiasi animale). Le orche hanno più materia grigia e più neuroni corticali di qualsiasi mammifero, compresi gli esseri umani. Possono essere addestrate in cattività e sono spesso descritti come intelligenti, anche se definire e misurare “l’intelligenza” è difficile in una specie il cui ambiente e le strategie comportamentali sono molto diverse da quelle degli esseri umani. Le orche imitano gli altri esemplari e sembrano insegnare deliberatamente abilità ai loro simili.

Osservazioni sul campo

Le persone che hanno interagito a stretto contatto con le orche offrono numerosi aneddoti che dimostrano la curiosità, la giocosità e la capacità di risolvere i problemi di questi cetacei. Le orche dell’Alaska non solo hanno imparato a rubare i pesci dai palangari (attrezzo da pesca), ma hanno anche superato una serie di tecniche progettate per fermarle, come l’uso di lenze prive di esca. Una volta, i pescatori hanno messo le loro barche a diverse miglia di distanza tra loro, recuperando a turno piccole quantità del loro pescato, nella speranza che le orche non avrebbero avuto abbastanza tempo per muoversi tra una barca e l’altra per rubare il pescato mentre veniva recuperato. La tattica ha funzionato inizialmente, ma le orche l’hanno capito rapidamente e hanno cominciato a dividersi in gruppi.

In altri racconti, i ricercatori descrivono situazioni in cui le orche selvatiche sembravano prendersi gioco scherzosamente degli esseri umani, spostando ripetutamente gli oggetti che le persone stavano cercando di raggiungere, oppure in un’altra occasione un’orca ha improvvisamente iniziato a lanciare un pezzo di ghiaccio dopo che un essere umano aveva lanciato una palla di neve.

L’uso dei dialetti da parte dell’orca e l’ereditare i comportamenti appresi di generazione in generazione sono stati descritti come una forma di cultura animale. Le complesse e stabili culture vocali e comportamentali dei gruppi simpatrici di orche (Orcinus orca) sembrano non avere paralleli al di fuori dell’uomo e rappresentano un’evoluzione indipendente delle facoltà culturali. 

Rappresentazione dei principali organi e strutture del cranio di O. orca, tra cui il cervello ed il "melone" importante per l'ecolocalizzazione.
Figura 11 – Rappresentazione dei principali organi e strutture del cranio di O. orca, tra cui il cervello ed il “melone” importante per l’ecolocalizzazione. [Fonte: https://www.seattletimes.com/]

Infanticidio

L’uccisione dei piccoli da parte di altri individui, che una volta si pensava si verificasse solo nelle orche in cattività, è stata osservata in popolazioni selvatiche da ricercatori al largo della Columbia Britannica il 2 dicembre 2016. In quel giorno un maschio adulto ha ucciso il cucciolo di una femmina all’interno dello stesso branco, con il supporto della madre del suddetto maschio, che si è unita all’assalto. Si teorizza che il maschio uccidesse il piccolo per accoppiarsi con la madre (cosa che accade in altre specie carnivore), mentre la madre del maschio sosteneva l’opportunità di riproduzione per il figlio. L’attacco è terminato quando la madre del piccolo ha colpito e ferito il maschio che lo ha attaccato. Tale comportamento corrisponde a quello di molte specie di delfini più piccole, come il tursiope.

Habitat di Orcinus Orca

Le orche sono i cetacei più diffusi e si trovano in tutti gli oceani e nella maggior parte dei mari. A causa del loro enorme areale, numero e densità, la distribuzione relativa è difficile da stimare, ma chiaramente preferiscono latitudini più elevate e aree costiere rispetto agli ambienti pelagici. Le aree che fungono da importanti siti di studio per la specie includono le coste dell’Islanda, della Norvegia, la penisola di Valdés in Argentina, le isole Crozet, la Nuova Zelanda e parti della costa occidentale del Nord America, dalla California all’Alaska. 

Indagini sistematiche indicano le più alte densità di orche (>0,40 individui per 100 km2) nell’Atlantico nord-orientale intorno alla costa norvegese, nel Pacifico settentrionale lungo le Isole Aleutine, nel Golfo dell’Alaska e nell’Oceano Antartico al largo di gran parte della costa dell’Antartide. Sono considerati “comuni” (0,20-0,40 individui per 100 Km2) nel Pacifico orientale lungo le coste della Columbia Britannica, Washington e Oregon, e nell’Oceano Atlantico settentrionale intorno all’Islanda e alle Isole Faroe.

In Antartide, le orche si spingono fino al limite della banchisa e si ritiene che si avventurino nella banchisa più densa, trovando varchi aperti proprio come i beluga nell’Artico. Tuttavia, le orche sono solo visitatori stagionali delle acque artiche e non si avvicinano alla banchisa in estate. Con il rapido declino del ghiaccio marino artico nello stretto di Hudson, il loro areale si estende ora in profondità nell’Atlantico nord-occidentale. Occasionalmente, le orche nuotano nei fiumi d’acqua dolce. Sono stati documentati a 100 miglia (160 km) lungo il fiume Columbia negli Stati Uniti. Sono stati trovati anche nel fiume Fraser in Canada e nel fiume Horikawa in Giappone.

I modelli di migrazione non sono stati compresi a pieno. Ogni estate, gli stessi individui appaiono al largo delle coste della Columbia Britannica e di Washington ma, nonostante decenni di ricerca, non si sa dove vadano questi animali per il resto dell’anno. Branchi transitori sono stati avvistati dall’Alaska meridionale alla California centrale. 

Popolazione

Le stime della popolazione mondiale sono incerte, ma un’approvazione comune suggerisce un minimo di 50.000 esemplari (nel 2006). Le stime locali includono circa 25.000 in Antartide, 8.500 nel Pacifico tropicale, 2.250-2.700 al largo del Pacifico nord-orientale più freddo e 500-1.500 al largo della Norvegia. L’agenzia giapponese per la pesca ha stimato negli anni 2000 che 2.321 orche erano nei mari intorno al Giappone.

A causa della varietà di areale in cui vivono le orche, esse si sono specializzate in base alle esigenze specifiche del loro ambiente. Questi ecotipi sono suddivisi per regioni, ognuna delle quali ha i suoi sottogruppi:

Ecotipi

  • La regione del Pacifico nord-occidentale, che si distingue in Offshore, Residenti e Transitori;
  • La regione del Nord Atlantico con gli esemplari di tipo 1 e di tipo 2;
  • La regione dell’Oceano Antartico, che presenta orche di tipo A, di tipo B, di tipo C e di tipo D.

Gli ecotipi residenti, transitori e offshore del Pacifico nord-occidentale presentano areali notevolmente sovrapposti, tuttavia altri ecotipi sono più isolati. Gli esemplari dell’Atlantico settentrionale hanno una discreta sovrapposizione dell’areale, con il tipo 1 che è specializzato nel cacciare i pesci e rimane più vicino alla costa della Scandinavia settentrionale, e il tipo 2 che abita acque più profonde al largo della costa occidentale dell’Irlanda e della Scozia. Questi ecotipi differiscono sostanzialmente sia nel comportamento che nella morfologia, con differenze simili a quelle osservate nei gruppi transitori e residenziali del Pacifico nord-occidentale.

Un’altra regione di significativa diversità è l’Oceano Antartico che circonda l’Antartide, dove risiedono le orche di tipo A, B, C e D.

Gli esemplari di tipo A, che preferiscono le acque aperte nell’Oceano Antartico, hanno una corporatura sovradimensionata, simile agli esemplari offshore del Pacifico. Si nutrono di un’ampia varietà di prede, in particolare delle balenottere minori, di cui seguono i modelli migratori dentro e fuori le acque antartiche.

Le orche di tipo B, chiamate anche orche “pack-ice” (della banchisa), abitano il ghiaccio poco compatto intorno all’Antartide. Esistono due sottotipi identificabili: grandi e piccoli. Le grandi sono ben note per la loro tecnica di caccia “wave-washing” in cui usano la coda per creare un’onda che faccia scivolare le foche, al riparo su un pezzo di ghiaccio della banchisa, nell’acqua circostante. Questi esemplari appaiono anche di colore giallo-pallido a causa della presenza di diatomee (una forma di alghe) che cresce sui loro corpi. Le tipo B piccole, chiamate Orche Gerlache, per lo stretto in cui abitano, predano i pinguini. Questi esemplari sono significativamente più piccoli, sia rispetto al tipo “pack-ice” grande che alle balene di tipo A, e possiedono anch’essi un colore giallo-pallido a causa delle diatomee.

Gli ecotipi più piccoli della regione antartica sono quelli di tipo C, chiamate anche orche del Mare di Ross. Questi esemplari crescono fino a soli 6 metri di lunghezza (maschi adulti) e, come altri ecotipi antartici, hanno una colorazione giallo-pallida. Il mantello delle orche del Mare di Ross, tuttavia, è più scuro nella parte superiore della testa rispetto al resto del loro corpo e sfoggiano una macchia bianca sull’occhio dalla forma molto caratteristica e decisamente inclinata. Questi esemplari sono stati osservati mentre si nutrivano di merluzzo antartico (Dissostichus mawsoni), ma non si sa ancora se siano o meno specializzati nella caccia ai pesci.

L’ecotipo finale della regione antartica è il tipo D, che sono classificate come orche sub-antartiche e sono l’ecotipo più raro del gruppo. Avvistate solo una manciata di volte, una delle quali è stata un evento di spiaggiamento di massa in Nuova Zelanda. Tali esemplari sfoggiano anche un aspetto unico con pinne dorsali più corte, teste più rotonde e le macchie sugli occhi più piccole di qualsiasi altro ecotipo. A causa della rarità dei loro avvistamenti, non è ancora chiaro se si tratti di cacciatori specializzati: sono stati visti predare pesci, razze e squali.

Poster raffigurante tutti gli Ecotipi conosciuti di O. orca.
Figura 12 – Poster raffigurante tutti gli Ecotipi conosciuti di O. orca. [Fonte: https://baleinesendirect.org/en/]

Cenni Storici

Il primo uso della parola “orca” per descrivere una balena fu da parte di Plinio il Vecchio, nel 70 d.C. circa, per differenziare questa specie dagli altri cetacei di cui stava discutendo. Plinio descrive le orche come “… Un animale che è particolarmente ostile alle altre balene, e la cui forma non può essere in alcun modo adeguatamente descritta, se non come un’enorme massa di carne armata di denti. Questo animale attacca la “balaena” nei suoi luoghi di ritrovo, e con i denti afferra i suoi piccoli, oppure attacca le femmine che hanno appena partorito o mentre sono ancora incinte: quando si precipita su di loro, li trafigge proprio come se fossero stati attaccati dal rostro di una galea liburna.”

Plinio afferma, anche, che un’orca nuotò nel porto di Ostia durante il regno dell’imperatore Claudio, mangiando merci importate cadute dalle navi, prima di rimanere bloccata nel porto sabbioso e uccisa per ordine dell’imperatore. Non è chiaro se l’orca di Plinio sia la stessa dell’orca moderna; tuttavia, gli studiosi nel 19 ° secolo identificarono la prima orca discussa da Plinio come “l’orca Delphinus di Linneo” in base al comportamento dell’animale, mentre l’orca che era bloccata nel porto di Ostia era più probabile che fosse un capodoglio.

Konrad Gessner scrisse la prima descrizione scientifica di un’orca nel suo “Piscium & aquatilium animantium natura” del 1558, parte della più ampia “Historia animalium”, basata sull’esame di un animale morto spiaggiato nella baia di Greifswald che aveva attirato un grande interesse locale.

Jan van der Straet, An Orca at Ostia, ca. 1595. Cooper Hewitt Collection.
Figura 13 – Jan van der Straet, An Orca at Ostia, ca. 1595. Cooper Hewitt Collection. [Fonte: https://www.cooperhewitt.org/]

Culture indigene

Le popolazioni indigene della costa nord-occidentale del Pacifico rappresentano le orche attraverso la loro arte, storia, spiritualità e religione. Gli Haida consideravano le orche come gli animali più potenti dell’oceano e la loro mitologia narra di orche che vivevano in case e città sotto il mare. Secondo questi miti, esse assumono forma umana quando sono immerse, e gli umani che sono annegati sono andati a vivere con loro. Per i Kwakwaka’wakw, l’orca era considerata come il sovrano del mondo sottomarino, con i leoni marini come suoi schiavi e i delfini come suoi guerrieri. Nella mitologia Nuu-chah-nulth e Kwakwaka’wakw, le orche possono incarnare le anime dei capi defunti. I Tlingit del sud-est dell’Alaska consideravano l’orca come custode del mare e un benefattore degli esseri umani.

Il popolo arcaico marittimo di Terranova aveva anche un grande rispetto per le orche, come dimostrano le incisioni in pietra trovate in una sepoltura di 4.000 anni fa nel sito archeologico di Port au Choix.

Nei racconti e nelle credenze del popolo Yupik siberiano, si dice che le orche appaiano come lupi in inverno, e i lupi come orche in estate. Si ritiene che le orche aiutino i loro cacciatori nel guidarli ai trichechi. La loro riverenza nei confronti delle orche è espressa in diverse forme: la barca e una scultura in legno, appesa alla cintura del cacciatore, rappresentano questo animale; oppure piccoli sacrifici, come il tabacco o la carne, vengono sparsi in mare per loro.

Il popolo Ainu di Hokkaido, delle isole Kuril e del sud di Sakhalin spesso si riferiva alle orche nel suo folklore e mito come “Repun Kamuy” (Dio del mare) che portava fortuna (balene) alle coste, e li ci sono stati funerali tradizionali per le orche spiaggiate o decedute, simili ai funerali per altri animali come gli orsi bruni.

Scultura del popolo Haida rappresentante un orca.
Figura 14 – Scultura del popolo Haida rappresentante un orca. [Fonte: https://en.m.wikipedia.org/wiki/Main_Page]

Fonti

Crediti e immagini

Foto dell'autore

Simone Ciuffreda

Sono Laureato in Scienze Biologiche all'università Roma Tre (Marzo 2020), ho lavorato e collaborato per quattro anni (2017-2021) con il WWF presso le Oasi di Macchiagrande, foce dell'Arrone e Vasche, a Maccarese sul litorale Romano. Ho una grande passione per la natura e gli animali, ma anche per quanto riguarda l'astronomia e la storia antica. Come hobby faccio fotografia e disegno, inoltre posseggo due brevetti Sub PADI, Open Water e Advanced.

Rispondi