L’effetto Positivo dell’Aspirina sul Cancro del Colon-Retto

L’acido acetilsalicilico (ASA), comunemente noto come aspirina, ha da tempo suscitato interesse per i suoi presunti benefici nel contrastare il cancro del colon-retto. Recenti ricerche hanno evidenziato un potenziale effetto preventivo di questo farmaco, originariamente utilizzato per ridurre i rischi di malattie cardiovascolari. Un gruppo di studiosi guidato dall’Università di Padova ha scoperto un meccanismo attraverso il quale l’ASA sembra attivare una risposta immunitaria contro questa forma di tumore.

Lo Studio “Immunoreact 7”

Lo studio multicentrico noto come “Immunoreact 7” coinvolge 14 gruppi di ricerca italiani, sotto la guida del Dr. Marco Scarpa del Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Oncologiche e Gastroenterologiche dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova. Finanziato dalla Fondazione Airc per la ricerca sul cancro, l’obiettivo principale dello studio è valutare l’effetto dell’ASA sul microambiente tumorale, sull’immunità sistemica e sulla mucosa sana circostante il tumore del colon-retto.

Metodologia dello Studio

Nella fase iniziale, i ricercatori hanno analizzato retrospettivamente campioni e dati di pazienti affetti da cancro del colon-retto operati tra il 2015 e il 2019 presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova. Successivamente, hanno esaminato l’espressione dell’mRNA dei geni associati alla sorveglianza immunitaria nelle cellule tumorali primarie del colon-retto prelevate da pazienti che assumevano regolarmente ASA. Inoltre, hanno condotto esperimenti con animali da laboratorio presso l’Università di Padova e l’Istituto Oncologico Veneto per replicare tali misurazioni. Infine, hanno esaminato il microambiente immunitario della mucosa sana circostante il tumore del colon-retto in un vasto campione di pazienti partecipanti al progetto multicentrico Immunoreact, in relazione all’assunzione cronica di ASA.

Risultati dello Studio

I risultati hanno rivelato che i campioni di tessuto prelevati da pazienti che assumevano ASA mostravano una minore diffusione del cancro ai linfonodi e una maggiore infiltrazione di cellule immunitarie nel tumore rispetto a quelli dei pazienti che non assumevano il farmaco. Inoltre, l’esposizione delle cellule tumorali del colon-retto all’ASA in laboratorio ha determinato un aumento della proteina Cd80, nota per modulare la funzione immunitaria. Questo incremento sembra migliorare la capacità delle cellule tumorali di segnalare la presenza di proteine associate al tumore ad altre cellule immunitarie. Questa scoperta è supportata dal fatto che i pazienti con cancro del colon-retto che assumevano ASA presentavano livelli più elevati di proteina Cd80 nel tessuto rettale sano.

Conclusioni e Implicazioni Cliniche sul ruolo dell’Aspirina sulla prevenzione del Cancro del Colon-Retto

I dati emersi dallo studio indicano che il trattamento con ASA potrebbe aumentare l’espressione di Cd80, migliorando così la capacità delle cellule tumorali del colon-retto di presentare attivamente i propri antigeni ai linfociti T. Questi risultati suggeriscono che l’ASA, assunta a lungo termine, potrebbe esercitare un effetto di sorveglianza immunitaria non solo all’interno del tumore, ma anche sulla mucosa normale circostante. Queste scoperte aprono la strada a nuove strategie preventive e terapeutiche nel trattamento del cancro del colon-retto.

Leggi anche:

Consigli per gli Acquisti:

  1. Integratori consigliati: Acquista qui
  2. Libri per la tua salute: Scopri di più
  3. I nostri Libri: Esplora ora

Concludendo, l’acido acetilsalicilico emerge come un possibile alleato nella prevenzione e nel trattamento del cancro del colon-retto, grazie al suo presunto effetto di stimolazione della risposta immunitaria. Tuttavia, ulteriori ricerche sono necessarie per comprendere appieno il meccanismo d’azione e per confermare questi promettenti risultati clinici.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento