Tachipirina: quando evitare l’assunzione del farmaco

Tachipirina: il farmaco da banco più venduto in Italia

La Tachipirina, uno dei farmaci più utilizzati, può essere fondamentale per la salute umana, ma molti dettagli importanti del farmaco sono spesso trascurati. Si tratta di un farmaco ad azione analgesica e antipiretica, la cui molecola principale è il paracetamolo con la molecola N-(4-idrossifenil)acetammide.

La Tachipirina è un farmaco da banco, quindi può essere acquistato senza prescrizione medica. Ciò significa che chiunque può andare in farmacia e acquistare il farmaco per risolvere i propri problemi. Non solo è utile per ridurre la febbre, ma anche per curare altri disturbi virali come il raffreddore.

La sintesi del paracetamolo : Tachipirina quando evitare
Figura 1 – La sintesi del paracetamolo

Paracetamolo: la storia del farmaco

Il paracetamolo ha una lunga storia di utilizzo. Fu sintetizzato per la prima volta nel 1878 dal dottor Harmon Northrop Morse, che ridusse il p-nitrofenolo con stagno in acido acetico glaciale. Tuttavia, come tutti i farmaci, può avere controindicazioni che non tutti conoscono. È importante leggere attentamente il bugiardino del farmaco per evitare problemi.

Quando assumere e quando evitare la Tachipirina

Quando assumere e quando evitare la Tachipirina? Il nostro consiglio è sempre quello di consultarsi con un medico prima di assumere un farmaco, anche se la Tachipirina è un prodotto da banco che può essere acquistato senza prescrizione medica ed è generalmente considerato affidabile sotto ogni punto di vista. Tuttavia, ci sono alcune situazioni in cui l’utilizzo di questo farmaco è sconsigliato. Ad esempio, le persone che sono ipersensibili al farmaco dovrebbero evitarlo, così come coloro che hanno altre patologie come anemia emolitica, insufficienza epatica, alcolismo cronico, anoressia, bulimia e disturbi alimentari in generale.

In rari casi, si possono verificare disturbi del sistema immunitario e patologie del sistema emolinfopoietico. Altri effetti indesiderati possono includere orticaria, edema della laringe, problemi gastrointestinali ed epatobiliari, insufficienza renale ed eritemi. Come per tutti i farmaci, è importante evitare il sovradosaggio che può causare nausea e vomito.

In casi estremi, l’assunzione di Tachipirina può causare citolisi epatica, necrosi massiva e irreversibile. Inoltre, ci sono degli eccipienti nel farmaco che possono causare allergie, come l’aspartame. Per questo motivo, è importante consultare un medico prima di assumere farmaci, anche quelli considerati di base, soprattutto per coloro che non li hanno mai utilizzati in precedenza.

Acquista il prodotto Tachipirina Tac0100019 Post Fludec Pronto Recupero – 12 Buste

Leggi anche

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore di Microbiologia Italia. Mi sono laureato a Messina in Biologia con il massimo dei voti ed attualmente lavoro come microbiologo in un laboratorio scientifico. Amo scrivere articoli inerenti alla salute, medicina, scienza, nutrizione e tanto altro.