Cellule della Microglia nel Sistema Immunitario e nella Memoria

Le cellule cerebrali della microglia, componente fondamentale del sistema immunitario nel sistema nervoso centrale, svolgono un ruolo cruciale all’interno del Sistema Immunitario non solo nella difesa contro agenti esterni, traumi o infezioni, ma anche nello sviluppo e nella maturazione delle aree dell’ippocampo deputate alla memoria. Un recente studio condotto in Italia, pubblicato su ‘Immunity’ e coordinato dalla professoressa Michela Matteoli dell’Humanitas University, ha gettato nuova luce su questa connessione tra immunità e memoria.

Il Ruolo della Microglia e del Recettore Trem2

Le cellule della microglia nel cervello sono le guardiane dell’immunità e sono particolarmente influenti grazie al loro recettore chiamato Trem2. Questo recettore, già oggetto di studi nel 2013 per la sua correlazione con l’insorgenza di demenza e Alzheimer, è stato ora riconosciuto come un attore chiave nello sviluppo e nel funzionamento delle aree cerebrali responsabili della memoria.

Implicazioni per le Malattie Neurodegenerative

Il nuovo studio ha rivelato che quando il recettore Trem2 nella microglia non funziona correttamente, i neuroni nell’ippocampo – un’area cruciale per la memoria – subiscono anomalie nel loro metabolismo energetico durante lo sviluppo. Queste anomalie possono perdurare nel tempo e hanno implicazioni significative per malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Le mutazioni in Trem2 sono state identificate come fattori di rischio per l’insorgenza di queste malattie, sottolineando l’importanza di comprendere questo processo.

Cellule della Microglia del Sistema Immunitario: Prospettive Future

Nonostante lo studio sia stato condotto su modelli sperimentali, apre nuove strade nella ricerca delle malattie neurodegenerative. I pazienti con varianti genetiche di Trem2 potrebbero essere più suscettibili a problemi metabolici nell’area del cervello deputata alla memoria, rendendola più vulnerabile alla neurodegenerazione. Inoltre, l’impatto metabolico osservato durante lo sviluppo potrebbe ripresentarsi in età avanzata, quando i livelli fisiologici del recettore diminuiscono.

In conclusione, questa ricerca mette in luce il collegamento intricato tra il sistema immunitario, il recettore Trem2, lo sviluppo del cervello e le malattie neurodegenerative. L’approfondimento di questa relazione potrebbe aprire nuove possibilità terapeutiche e una migliore comprensione delle cause sottostanti di malattie come l’Alzheimer. La ricerca dimostra che lo studio congiunto dello sviluppo e dell’invecchiamento del cervello è cruciale per comprendere appieno le dinamiche delle malattie neurodegenerative.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi