Pizza: amica o nemica della salute? Cosa dice la scienza

La pizza è uno dei piatti più amati al mondo e rappresenta un elemento fondamentale della cultura gastronomica italiana. Tuttavia, negli ultimi anni, si è diffusa la convinzione che la pizza sia un alimento da evitare. Questa convinzione si sta diffondendo soprattutto se si sta seguendo una dieta dimagrante o si desidera mantenere uno stile di vita salutare.

pizza salute
Figura 1 – Pizza, salute e benessere: come scegliere gli ingredienti giusti per una pizza salutare e per non eccedere con troppe calorie.

La pizza fa davvero male alla salute? Ecco cosa dicono gli esperti

Per smentire queste credenze, è opportuno fare riferimento alle opinioni di esperti del settore, come il nutrizionista Pietro Senette. Secondo il dottore, la pizza non è dannosa per la salute, a patto che sia preparata con ingredienti di qualità e rispettando la giusta frequenza di consumo.

In particolare, Senette consiglia di scegliere pizze preparate con farina integrale, pomodoro e mozzarella fiordilatte di alta qualità e lievitate con lievito madre. Questi ingredienti sono ricchi di nutrienti importanti per il nostro organismo, come vitamine, proteine e carboidrati complessi. Inoltre, la lievitazione naturale, grazie alla presenza di batteri lattici, favorisce la digestione e la riduzione dell’indice glicemico della pizza.

Al contrario, le pizze surgelate o quelle preparate con ingredienti di bassa qualità e additivi poco salutari, dovrebbero essere evitate. Questi prodotti, infatti, possono contenere elevate quantità di grassi saturi, sale e zuccheri. Questi contribuiscono all’aumento del peso e a problemi di salute come allergie, intolleranze e reazioni avverse.

Ma qual è la giusta frequenza di consumo della pizza?

Secondo Senette, se si è in buona salute, è possibile concedersi una pizza a settimana, preferibilmente durante il pranzo o la cena, in modo da compensare con pasti più leggeri durante il resto della settimana. Tuttavia, se si sta seguendo una dieta dimagrante, è consigliabile limitare il consumo della pizza a una volta al mese, in modo da evitare eccessi calorici.

In ogni caso, è importante ricordare che la pizza, come qualsiasi alimento, non può essere considerata un sostituto di una dieta equilibrata e varia. È necessario quindi prestare attenzione alla quantità e alla qualità degli ingredienti. Bisogna sempre scegliere le opzioni più salutari e bilanciando il consumo con altre fonti di nutrienti importanti per il nostro organismo, come frutta, verdura, legumi e cereali integrali.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi