La sostenibilità alimentare e la dieta mediterranea: il futuro

Introduzione sulla sostenibilità alimentare e la dieta mediterranea

Nel contesto del futuro dell’alimentazione in Italia, la sostenibilità e la dieta Mediterranea emergono come tematiche centrali. Il rapporto “La Roadmap del futuro”, pubblicato da The European House-Ambrosetti, si è focalizzato sull’importanza di questi argomenti. Si sono analizzati i consumi alimentari nel nostro Paese sia nella fase pre che post Covid-19. In particolare, sono emersi dati interessanti riguardo alle scelte dei consumatori italiani in termini di sostenibilità alimentare, con un’attenzione crescente verso l’acquisto di alimenti sostenibili certificati, biologici e a km zero.

Le scelte dei consumatori Italiani

Secondo il rapporto, nel periodo post-pandemia, gli italiani hanno mostrato una tendenza a premiare la “qualità” della spesa alimentare. Si è osservato un aumento del 10,5% nell’acquisto di alimenti sostenibili certificati, un incremento del 7,5% nell’acquisto di alimenti biologici e a km zero, mentre si è registrata una diminuzione del 5,2% nell’acquisto di cibi pronti e confezionati e del 4,4% nella scelta di “junk food”. Questi dati indicano una crescente consapevolezza dei consumatori italiani riguardo all’importanza di un’alimentazione sana e sostenibile.

Un altro dato positivo riguarda l’atteggiamento dei consumatori verso i prodotti sostenibili. L’80% dei consumatori italiani sarebbe disposto a spendere qualcosa in più per un prodotto sostenibile, sebbene vi sia incertezza riguardo al significato effettivo di questa parola. Secondo il 73% delle persone, un prodotto è considerato sostenibile quando il processo di produzione è sostenibile, seguito dal 40,3% che valuta l’impatto del packaging. Questi dati evidenziano l’importanza di comunicare in modo chiaro e trasparente le caratteristiche di sostenibilità dei prodotti alimentari.

Le abitudini alimentari italiane

Per comprendere le abitudini alimentari degli italiani, The European House-Ambrosetti ha condotto un’indagine su 1.000 cittadini italiani, utilizzando come modello di riferimento la piramide alimentare. Questo modello è considerato a livello mondiale come il paradigma nutrizionale alla base della dieta Mediterranea, che si caratterizza per l’elevato consumo di frutta e verdura, un indice glicemico limitato, un elevato contenuto di fibre e una rilevante percentuale di carboidrati.

Secondo la piramide alimentare, la base della dieta Mediterranea richiede un consumo giornaliero di cinque porzioni di frutta e verdura (400 grammi). Tuttavia, lo studio evidenzia che solo il 17,3% dei cittadini italiani è consapevole del reale consumo consigliato di frutta e verdura secondo la dieta Mediterranea, e solo il 5% lo segue effettivamente. Questi dati rivelano una mancanza di consapevolezza diffusa riguardo all’importanza di una corretta alimentazione basata sulla dieta Mediterranea.

Sovrappeso, obesità e il futuro dei bambini

Un altro aspetto preoccupante emerso dallo studio riguarda la percentuale di italiani adulti in sovrappeso o obesi, che rappresenta ormai quasi la metà della popolazione, con il 45,7% al di sotto della media UE-27, che è del 52,7%. Tuttavia, il focus si sposta sui bambini, poiché l’Italia è diventata il primo Paese con la quota più alta di bambini in sovrappeso o obesi nella fascia di età compresa tra i 5 e i 9 anni, con un tasso del 42%. Questo dato è particolarmente allarmante, poiché il problema del sovrappeso e dell’obesità nei bambini potrebbe persistere e diffondersi nelle fasce di età successive.

Conclusioni sulle sostenibilità alimentare e sulla dieta mediterranea

L’analisi condotta da The European House-Ambrosetti evidenzia l’importanza crescente della sostenibilità alimentare e della dieta Mediterranea nel panorama alimentare italiano. I consumatori italiani stanno mostrando una preferenza per alimenti sostenibili certificati, biologici e a km zero, premiando la “qualità” della spesa alimentare. Tuttavia, persistono sfide legate alla comprensione del concetto di sostenibilità e alla consapevolezza delle porzioni di frutta e verdura raccomandate. Inoltre, l’aumento del sovrappeso e dell’obesità nei bambini rappresenta una preoccupazione significativa per il futuro.

Affrontare queste sfide richiede un impegno comune da parte dei consumatori, delle istituzioni e dei produttori alimentari per promuovere una maggiore consapevolezza, fornire informazioni chiare e accessibili, e incentivare scelte alimentari sostenibili e salutari. Solo attraverso un’azione coordinata possiamo assicurare un futuro alimentare più sostenibile e garantire il benessere delle future generazioni.

Ti consigliamo: La dieta fast & easy. Il metodo facile per dimagrire subito e stare bene per sempre

Bibliografia

  • https://www.ambrosetti.eu/it/news/la-roadmap-del-futuro-per-il-foodbeverage-quali-evoluzioni-e-quali-sfide-per-i-prossimi-anni
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore di Microbiologia Italia. Mi sono laureato a Messina in Biologia con il massimo dei voti ed attualmente lavoro come microbiologo in un laboratorio scientifico. Amo scrivere articoli inerenti alla salute, medicina, scienza, nutrizione e tanto altro.

1 commento su “La sostenibilità alimentare e la dieta mediterranea: il futuro”

Lascia un commento