MALATTIA MANGIACARNE: terribile morbo che distrugge i tessuti

La fascite necrotizzante: la “malattia mangiacarne” che può mettere a rischio la vita

La fascite necrotizzante, conosciuta anche come “malattia carnivora” o “malattia mangiacarne”, è un’infezione potenzialmente letale che colpisce i tessuti del corpo umano. Questa malattia, se non trattata tempestivamente, può portare a conseguenze gravi e persino mettere a rischio la vita dei pazienti. Nel seguente articolo, esploreremo le cause, i sintomi, il trattamento e le misure preventive legate alla fascite necrotizzante.

Cos’è la fascite necrotizzante?

La fascite necrotizzante è un’infezione “rapidamente progressiva delle fasce che colpisce soggetti spesso giovani ed apparentemente sani, rara (0,4 casi ogni 100.000 persone) e associata a elevata mortalità”, come spiegato in un articolo dell’Università degli Studi di Verona. Questa condizione è causata principalmente da batteri, in particolare dagli streptococchi del Gruppo A, come lo Streptococcus pyogenes.

I sintomi della fascite necrotizzante

I sintomi della fascite necrotizzante possono manifestarsi in modo rapido e intensificarsi nel corso del tempo. Le zone colpite dall’infezione tendono a diventare rossastre, calde e tumefatte. Durante l’ispezione chirurgica, i medici notano spesso la presenza di un essudato grigio, che rappresenta un campanello d’allarme diagnostico. Inoltre, la fascia superficiale risulta fragile e non si riscontra la presenza di pus.

Il pericolo della “malattia mangiacarne”

La fascite necrotizzante può essere estremamente pericolosa se non trattata in modo tempestivo e aggressivo. Gli esperti avvertono che la prognosi della malattia “è infausta” se non viene effettuata una rimozione chirurgica dei tessuti colpiti dalla necrosi. In alcuni casi, la rimozione di una quantità significativa di tessuto può essere necessaria per salvare la vita del paziente. Talvolta, è richiesta la rimozione di una percentuale considerevole del tessuto infetto per evitare l’amputazione dell’arto o complicazioni ancora più gravi.

Il caso di Donnie Adams e della sua “malattia mangiacarne”

Un esempio drammatico di fascite necrotizzante è rappresentato dalla vicenda di Donnie Adams, un uomo americano di 52 anni. Durante una riunione di famiglia animata, Donnie è stato morso da un parente, innescando così un’infezione devastante. Il suo caso è stato riportato dal Tampa Bay Times. Dopo aver avvertito i primi sintomi, Donnie si è recato al pronto soccorso per sottoporsi a un’antitetanica e ad antibiotici. Tuttavia, le sue condizioni si sono aggravate rapidamente, rendendo necessario un intervento chirurgico di emergenza.

Trattamento e prognosi

Il trattamento della fascite necrotizzante richiede un’azione rapida e decisa. L’intervento chirurgico per rimuovere i tessuti colpiti dalla necrosi è considerato un elemento fondamentale nel trattamento di questa malattia. Gli antibiotici ad ampio spettro vengono somministrati per combattere l’infezione batterica. La prognosi dipende dall’estensione dell’infezione e dalla tempestività dell’intervento medico. Nel caso di Donnie Adams, il suo pronto intervento ha permesso di salvargli la vita e di preservare la sua gamba.

Prevenzione della fascite necrotizzante

Prevenire la fascite necrotizzante può essere difficile, ma alcune misure possono contribuire a ridurre il rischio di contrarre questa grave infezione. È fondamentale mantenere una buona igiene, lavando accuratamente le ferite e curandole adeguatamente. Inoltre, è importante trattare prontamente anche le più piccole lesioni cutanee per prevenire la penetrazione dei batteri patogeni.

Conclusioni

La fascite necrotizzante rappresenta una malattia grave e potenzialmente letale che richiede un trattamento tempestivo e aggressivo. La sua rapida progressione e la distruzione dei tessuti colpiti mettono a rischio la vita dei pazienti. Tuttavia, grazie all’intervento medico rapido e all’uso di antibiotici appropriati, è possibile salvare la vita dei pazienti e favorire una buona guarigione. La consapevolezza di questa malattia e l’adozione di misure preventive possono contribuire a ridurre il rischio di contrarre la fascite necrotizzante e a preservare la salute e il benessere delle persone.

Fonti

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento