L’Importanza dello Screening per la Rosolia in Gravidanza

In questo articolo divulgativo di Microbiologia Italia parliamo dello Screening della Rosolia in Gravidanza. L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’eradicazione della rosolia nel nostro Paese a partire dal 2021. Ciò ha portato all’eliminazione della raccomandazione di screening per questa infezione alle donne in gravidanza. Tuttavia, questa decisione ha suscitato diverse opinioni contrastanti, tra cui quella del professore Roberto Burioni, docente di microbiologia e virologia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

Burioni esprime le sue preoccupazioni riguardo a questa decisione, affermando che dovremmo invece incoraggiare le donne in età fertile a monitorare la loro situazione sierologica, non solo per la rosolia ma anche per altri virus. Questo, secondo lui, consentirebbe alle future mamme di affrontare la gravidanza in modo più sereno e sicuro.

Il Successo dell’Eliminazione della Rosolia

L’eliminazione della trasmissione endemica del virus della rosolia è stato un grande successo di salute pubblica. Questo risultato è stato ottenuto grazie a un impegno costante che ha permesso di raggiungere alte coperture vaccinali nella popolazione. Di conseguenza, si è deciso di abbandonare lo screening per la rosolia durante la gravidanza.

L’Opinione di Burioni

Tuttavia, il Prof. Burioni ritiene che questa sia una decisione sbagliata. Egli suggerisce che le donne in età fertile dovrebbero essere incoraggiate a monitorare la loro situazione sierologica non solo per la rosolia ma anche per altri virus. Questo permetterebbe loro di essere consapevoli del proprio stato immunitario prima di iniziare una gravidanza, riducendo così l’ansia e aumentando la sicurezza durante la gestazione.

Conclusioni sullo Screening per Rosolia in Gravidanza

La decisione di interrompere lo screening per la rosolia in gravidanza è stata presa in seguito all’eliminazione della trasmissione endemica del virus. Tuttavia, le opinioni divergenti sull’argomento indicano che esistono opinioni contrastanti sulla questione. Alcuni ritengono che questa sia una mossa positiva. Altri, come il Prof. Burioni, suggeriscono di continuare a monitorare la situazione sierologica delle donne in età fertile per garantire una gravidanza più serena e sicura.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e faccio parte di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza.

Lascia un commento