Ameba Mangia-Cervello: Un Pericolo Nascosto Nei Lavaggi Nasali

Gli avvertimenti dei Cdc americani in marzo hanno sollevato il velo su un rischio potenzialmente mortale: l’ameba mangia-cervello. Ora, gli esperti della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (Siaip), riuniti in congresso a Genova, confermano tale pericolo.

Il Pericolo di un Lavaggio Nasale Sbagliato

L’uso di acqua del rubinetto per i lavaggi nasali ha generato 10 casi negli Stati Uniti di Ameba Mangia-Cervello. Gli esperti sottolineano l’importanza cruciale di utilizzare acqua sicura, bollita o trattata per evitare il pericolo di contrarre la meningoencefalite da Naegleria fowleri, come evidenziato da uno studio dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” di Napoli.

La Minaccia Globale

Sebbene non siano stati registrati casi in Italia, la presenza dell’ameba mangia-cervello è diffusa in numerosi Paesi del mondo, compresi vari Stati europei. La ricerca condotta in Italia, che ha coinvolto casi documentati in oltre 20 Paesi, ha evidenziato un aumento del rischio associato all’uso di acqua di rubinetto non trattata o insufficientemente trattata.

Cosa è l’Ameba Mangia-Cervello

L’Naegleria fowleri è un microorganismo che può causare la meningoencefalite amebica primaria (PAM), una condizione rara ma spesso fatale. Questo patogeno entra nel corpo umano attraverso le narici, di solito durante l’immersione in acqua contaminata o durante i lavaggi nasali con acqua di rubinetto non adeguatamente clorata. Una volta nel cervello, può causare danni gravi.

Sintomi e Trasmissione

I sintomi della PAM possono includere mal di testa severo, febbre, nausea e, in casi gravi, coma e morte. La trasmissione avviene quando l’acqua contaminata entra nel corpo umano attraverso le cavità nasali, consentendo all’ameba di raggiungere il cervello. La prevenzione e un intervento medico rapido sono cruciali per la sopravvivenza.

Prevenzione e Consapevolezza dell’Ameba Mangia-Cervello e dei lavaggi Nasali

La ricerca sottolinea l’importanza di adottare misure preventive come l’uso di acqua sterilizzata, bollita o filtrata per i lavaggi nasali. La clorazione dell’acqua è essenziale ma non sempre sufficiente per eliminare l’ameba, quindi è necessario mantenere adeguati livelli di cloro residuo nelle reti idriche. La manutenzione e la pulizia dei serbatoi d’acqua domestici sono altresì cruciali per prevenire la crescita di Naegleria fowleri.

FAQ – Ameba Mangia-Cervello e lavaggi Nasali

  • Quali sono i sintomi della meningoencefalite amebica primaria (PAM)? I sintomi possono includere mal di testa severo, febbre, nausea e, in casi gravi, coma e morte.
  • Qual è la causa principale di contrazione dell’ameba mangia-cervello? L’ameba entra nel corpo umano attraverso le narici, di solito durante l’immersione in acqua contaminata o durante i lavaggi nasali con acqua di rubinetto non adeguatamente clorata.
  • Come posso prevenire l’infezione da ameba mangia-cervello? È importante utilizzare acqua sicura, bollita o trattata per i lavaggi nasali e mantenere adeguati livelli di cloro residuo nelle reti idriche. La manutenzione e la pulizia dei serbatoi d’acqua domestici sono altresì cruciali.
  • Qual è il tasso di mortalità associato alla PAM? Il tasso di mortalità è superiore al 95%.

Leggi anche:

  1. Il nostro blog
    Scopri ulteriori approfondimenti su temi legati alla salute e alla microbiologia sul nostro blog: Microbiologia Italia Blog
  2. Ameba Mangia-Cervello uccide una ragazzina: Nuotava vicino casa
  3. Sopravvissuto all’Ameba Mangia-Cervello: Chi è Caleb Ziegelbaur?
  4. Amebe a vita libera: la specie Naegleria fowleri

Consigli per gli Acquisti:

Integratori consigliati
Per integrare la tua salute, dai un’occhiata alla nostra selezione di integratori consigliati: Integratori Consigliati

Libri per la tua salute
Approfondisci argomenti legati alla salute con i nostri libri consigliati: Libri per la Tua Salute

I nostri Libri
Esplora i libri pubblicati da Microbiologia Italia per un’informazione completa sulla microbiologia: Libri Microbiologia Italia

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento