Rabdomiosarcoma: La Battaglia di Kaitlyn Contro il Cancro Sostenuta dai Donatori

Kaitlyn è una delle ragazze di 16 anni più positive che potreste mai incontrare. Illumina la stanza con il suo sorriso radiante ed è un’anima gentile che fa amicizia facilmente ovunque vada. Non sapreste mai che ha passato l’ultimo anno a lottare per la sua vita.

A 15 anni, Kaitlyn è andata per un controllo di routine dal pediatra. Durante l’appuntamento, hanno notato un rigonfiamento nel palato. Non sembrava troppo strano, ed è stato pensato che fosse legato all’apparecchio ortodontico. Il pediatra l’ha quindi mandata a vedere l’ortodontista, che ha identificato il rigonfiamento come non correlato ai suoi dispositivi ortodontici. Come precauzione finale, il pediatra ha consigliato di consultare uno specialista in Otorinolaringoiatria (ORL).

Il chirurgo ORL ha diagnosticato il problema come una crescita benigna piuttosto comune chiamata papilloma e ha programmato un intervento chirurgico. Il 7 luglio 2017, la massa è stata rimossa e inviata per esami. Solo pochi giorni dopo, il 13 luglio, la mamma di Kaitlyn, Dori, ha ricevuto una telefonata e una devastante diagnosi. Tre referti patologici avevano confermato che Kaitlyn aveva il rabdomiosarcoma, un sarcoma dei tessuti molli, un cancro dei muscoli scheletrici che colpisce i bambini. Il chirurgo ORL l’ha indirizzata al CHOP.

Kaitlyn
Figura 1 – La storia di Kaitlyn

Comprendere il Trattamento del Cancro che ha affrontato Kaitlyn

Il Children’s Hospital of Philadelphia (CHOP) ha chiamato la famiglia subito, e nel giro di poche ore si sono incontrati con Richard Womer, MD, un oncologo pediatrico, per discutere cosa significasse questa diagnosi per la loro figlia.

Dopo l’incontro, hanno programmato una risonanza magnetica e una tomografia PET CT per determinare come procedere al meglio. Chemioterapia e radioterapia a fascio di protoni facevano entrambe parte del piano di trattamento.

Dopo la fase iniziale di tre mesi del suo regime di chemioterapia, Kaitlyn ha iniziato il trattamento radioterapico presso il Centro di Terapia Protonica Pediatrica del CHOP, gestito in collaborazione con la Penn Medicine. Durante la radioterapia, Kaitlyn ha compiuto 16 anni e ha trascorso il suo 16° compleanno in trattamento. La mamma di Kaitlyn ricorda la preparazione per il trattamento con il fascio di protoni – “È stato straziante vederla con la maschera per la radioterapia. Copriva tutto il suo viso per assicurarsi che rimanesse perfettamente ferma durante il trattamento. Lei, naturalmente, ha affrontato tutto con dignità,” dice Dori. “Ascoltare i New Kids on the Block mi ha davvero aiutato durante il trattamento radioterapico,” condivide Kaitlyn. La sua chemioterapia è continuata durante la radioterapia.

Una Strada Accidentata Verso la Guarigione

Il percorso del trattamento non è stato privo di ostacoli. Oltre ai 10 mesi di chemioterapia e ai 28 giorni di radioterapia, Kaitlyn è stata ricoverata due volte a causa degli effetti collaterali del trattamento. Questi 17 giorni extra in ospedale sono stati difficili per la famiglia, ma Dori e suo marito John erano determinati a stare al fianco di Kaitlyn in ogni passo del cammino. John guidava al CHOP ogni sera dopo il lavoro, trascorreva la notte al fianco di Kaitlyn e Dori arrivava al mattino in modo che John potesse tornare a lavorare per il giorno.

Oltre al supporto dei genitori, la sorella di Kaitlyn, Morgan, era lì per offrire incoraggiamento in ogni passo del cammino, specialmente quando Kaitlyn ha cominciato a perdere i capelli a causa del trattamento. Morgan le faceva una carezza amichevole sulla testa e le diceva quanto fosse bella e quanto fosse morbida la sua testa. Un altro punto di riferimento di supporto durante il trattamento di Kaitlyn è stata la nonna, un’ex infermiera oncologica in pensione, che non ha mai saltato un appuntamento.

Rimanere Positivi e Fare Amicizia

Nonostante la strada accidentata, Kaitlyn ha affrontato la situazione con grazia. È rimasta ottimista e positiva, anche durante i momenti più difficili. “È molto, molto forte. E tiene sempre un sorriso coraggioso sul viso. Sono sicura che aveva paura, ma ha superato tutto,” dice Dori. “Anche quando dicevo ‘vorrei solo che questo non stesse succedendo alla nostra famiglia’, Kaitlyn rimaneva positiva e rispondeva: ‘Io no… perché allora qualcun altro si sentirebbe come noi’,” condivide Dori.

Kaitlyn ha fatto amicizia con altri bambini in ospedale ed è sempre stata lì per offrire loro supporto. Anche dopo che il suo trattamento è finito, Kaitlyn ha fatto il viaggio di ritorno al CHOP il giorno successivo per vedere il suo amico suonare la campana nella sala d’attesa, segnalando il suo ultimo giorno di terapia radiante.

Niente la Trattiene

Kaitlyn si è affidata ai suoi hobby per distrarsi dal trattamento. Suonare il suo banjo e lavorare sul suo swing da golf le tenevano la mente concentrata sui giorni migliori in cui avrebbe suonato “Country Roads” di John Denver e avrebbe potuto giocare a golf con suo padre per una partita.

A dicembre, Kaitlyn e John sono andati a New Orleans per vedere la sua squadra di football preferita – i Saints – giocare, e lei descrive felicemente il cibo fantastico che ha assaggiato. “Ho provato il cioccolato Lindt beignet e il pollo con i waffle. Tutti i cibi sembravano incredibili, anche se non ne ho assaggiato molto a causa del trattamento radiante che rendeva doloroso,” dice. “Spero davvero di tornarci un giorno quando il gusto migliorerà e assaggiarne di più, anche il gamberetto!”

Nel frattempo, rimane ottimista, aiutata dal suo team al CHOP. “Abbiamo avuto un’ottima esperienza al CHOP,” dice Dori. “Tutti sono davvero amichevoli. Gli infermieri e il dottor Womer sono stati molto diligenti con tutti gli esami e hanno reso il trattamento il più scorrevole possibile per Kaitlyn.”

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi