Malattie neurodegenerative II : il morbo di Parkinson e i microrganismi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’11 Aprile è la giornata mondiale del Parkinson, quali sono le associazioni fra i microrganismi e questa malattia? Quali studi sono attualmente in corso? Esploriamo questa malattia, ancora sconosciuta in gran parte.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microbiota umano ospita più di 140.000 specie di virus

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microbioma umano è costituito da numerosi batteri. Ma in realtà sono presenti anche migliaia di specie di virus, prevalentemente batteriofagi, che hanno una funzione nel mantenere l’equilibrio della flora intestinale e quindi la nostra salute.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Bifidobacterium infantis: un batterio importante del microbioma neonatale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Bifidobacterium infantis è uno dei batteri più importanti del microbioma, perché permette al neonato di avere accesso al latte materno.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un appuntamento con l’arte: il microbioma dei dipinti di Leonardo da Vinci

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Si rivela fondamentale lo studio del microbioma delle superfici dei dipinti nella cura del patrimonio artistico.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Soia e microbioma intestinale: una futura arma contro le malattie cardiovascolari

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La soia La soia (Figura 1), scientificamente Glycine max, è un legume ormai largamente conosciuto e utilizzato nella nostra alimentazione. Per questo motivo la sua produzione mondiale, secondo una stima del 2017, si attesta intorno alle 335 tonnellate. Sicuramente i Paesi che ne fanno maggior utilizzo, sin dall’antichità, sono la Cina e il Giappone. Qui, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microbiota medievale: dalle fogne la possibilità di caratterizzarlo

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le fogne medievali come fonte di microbiota Un gruppo di ricercatori della Cambridge University e del Max Planck Institute for the Science of Human History (MPI-SHH) ha analizzato i sedimenti delle antiche fogne di due città per stimare la conservazione molecolare del microbiota. Non è la prima volta che dei ricercatori si occupano di questa … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La mucina: un enzima in grado di degradarla come biomarcatore di patologie intestinali

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il tratto gastrointestinale Il tratto gastrointestinale del nostro organismo non è solo costituito da cellule epiteliali, ma anche da una vasta e complessa comunità microbica, il microbiota intestinale. Il microbiota è, oggi, molto studiato per i suoi effetti benefici sul nostro organismo e, anche, per la sua correlazione con sempre più patologie. Per questo, il … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Virus Chikungunya: un microbiota sano per limitare l’infezione

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Virus Chikungunya (CHIKV) Il virus Chikungunya (Figura 1) è un virus a RNA a singolo filamento positivo, appartenente alla famiglia delle Togaviridae e al genere degli Alphavirus. La trasmissione da un individuo all’altro avviene per mezzo delle zanzare del genere Aedes. È diffuso prevalentemente nell’emisfero orientale e, dal 2013, ha infettato milioni di persone nel … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microbiota delle ascidie cela un presunto anti-tumorale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microbiota delle ascidie Gli Ascidiacea, comunemente denominati Ascidie, volgarmente detti anche “sea-squirt“, sono una classe di invertebrati marini appartenente al subphylum dei Tunicati. Sono dei microfagi filtratori ermafroditi con forme e dimensioni variabili; infatti tendenzialmente hanno sembianze di sacche, anfore od otri. Sono animali sessili, incapaci di muoversi o staccarsi dal substrato al quale sono … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: