Ana Paula Borgo, stella del Volley: muore per un cancro aggressivo

La tragica scomparsa di Ana Paula Borgo: un’atleta che ha sfidato il cancro allo stomaco con coraggio

Ana Paula Borgo, l’opposta brasiliana che aveva conquistato il cuore degli appassionati italiani come protagonista del Volley Bergamo, ci ha lasciati prematuramente all’età di 29 anni. La sua lotta contro un tumore, diagnosticato durante le visite mediche del suo nuovo club brasiliano, il Barueri, è durata un anno.

Dopo aver annunciato il ritiro, Ana Paula si era sottoposta alle cure necessarie, chiedendo il supporto e le preghiere di tutti i suoi fan sui social media, sperando in un esito positivo. Solo pochi giorni fa aveva espresso la sua gratitudine al marito Carlos, sempre al suo fianco durante la malattia, attraverso un toccante messaggio su Instagram.

Ana Paula Borgo cancro
Figura 1 – Ana Paula Borgo, stella del volley, si è spenta per una forma di cancro allo stomaco: è l’ennesima perdita umana per un male aggressivo.

La carriera

La carriera di Ana Paula Borgo è stata segnata da numerosi successi. Nata il 20 ottobre 1993 a Bauru, nello Stato di San Paolo, ha fatto il suo debutto nella nazionale brasiliana nel 2019 durante la Nations League, dove ha raggiunto il secondo posto. Prima di questo risultato, aveva vinto il titolo mondiale con l’Under 23. La sua carriera ha visto il suo passaggio attraverso vari club brasiliani, tra cui São Caetano, Pinheiros, Osasco, Dentil Praia e Fluminense. Durante questo percorso, ha conquistato una Brazil Cup, ha ottenuto due secondi posti nella Superliga e uno nel Campionato Sudamericano. Ha vinto anche due volte il titolo di campione di San Paolo. Nel 2021/22, ha deciso di intraprendere l’esperienza in Italia dopo la sua parentesi in Turchia.

La guerriera Ana Paula Borgo ha perso la battaglia contro il cancro

Il Volley Bergamo ha espresso il suo cordoglio per la tragica perdita di Ana Paula, definendola una guerriera che ha affrontato la malattia con forza e determinazione. Il suo arrivo a Bergamo durante la stagione precedente ha lasciato un’impressione indelebile, grazie al suo sorriso contagioso e alla sua dolcezza infinita. L’annuncio della sua morte ha sconvolto tutti coloro che hanno condiviso il suo percorso sportivo. A soli 29 anni, Ana Paula lascia un vuoto enorme nel cuore di chi l’ha conosciuta. Il Volley Bergamo 1991 abbraccia il marito Carlos e tutta la famiglia Borgo in questo momento di profonda tristezza.

Il cordoglio

Numerose ex compagne di squadra hanno dedicato pensieri commossi ad Ana Paula. Luna Cicola ha scritto: “Ciao Ana, è stato un onore poter giocare e condividere con te quello che sarebbe stato il tuo ultimo anno. Spero che ovunque tu sia, Dio sia con te, come hai sempre desiderato.” Emma Cagnin ha voluto ricordarla come una persona sempre sorridente, instancabile, positiva anche nei momenti più difficili e umile, un raggio di sole che continuerà a brillare per sempre nei cuori di coloro che l’hanno conosciuta.

La scomparsa di Ana Paula Borgo rappresenta una grande perdita per il mondo dello sport e lascia un vuoto incolmabile. La sua determinazione e la sua passione per la pallavolo resteranno un esempio di forza e resilienza per tutti coloro che l’hanno conosciuta. Il suo talento e la sua dedizione hanno ispirato molti giovani giocatori di pallavolo e lasciano un’eredità duratura nel mondo dello sport.

Cancro allo stomaco

Il cancro allo stomaco, che ha stroncato Ana Paula Borgo, è noto anche come carcinoma gastrico. Rappresenta una sfida significativa per la comunità medica e per i pazienti colpiti da questa malattia. Con un impatto globale considerevole, il cancro allo stomaco è una delle principali cause di morte legate al cancro in tutto il mondo.

Ci sono diversi fattori di rischio associati al cancro gastrico, tra cui:

  1. Infezione da Helicobacter pylori: Questo batterio è uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo del cancro allo stomaco. L’infezione cronica da H. pylori provoca infiammazione dello stomaco e può portare a lesioni precancerose.
  2. Storia familiare: Il rischio di sviluppare il cancro allo stomaco aumenta se un membro della famiglia ha avuto la malattia in passato. La predisposizione genetica può svolgere un ruolo significativo nello sviluppo del cancro gastrico.
  3. Alimentazione: Una dieta ricca di alimenti affumicati, salati, conservati o in salamoia può aumentare il rischio di cancro allo stomaco. L’eccessivo consumo di carne rossa e di cibi ricchi di grassi può anche essere associato a un maggior rischio di sviluppare questa malattia.
  4. Tabagismo e consumo di alcol: Fumare e bere alcolici in eccesso sono fattori di rischio noti per una serie di tipi di cancro, incluso il cancro allo stomaco.

Diagnosi e trattamento

La diagnosi precoce del cancro allo stomaco è fondamentale per un migliore esito clinico. I sintomi possono variare, ma possono includere dolore addominale, perdita di peso, perdita di appetito, difficoltà nella deglutizione e vomito di sangue. Tuttavia, poiché questi sintomi possono essere aspecifici, il cancro allo stomaco può essere difficile da individuare nelle prime fasi.

La diagnosi del cancro allo stomaco coinvolge una serie di test, tra cui endoscopia, biopsia, esami del sangue e imaging medico. Una volta confermata la presenza di cancro gastrico, il trattamento può includere:

  1. Chirurgia: L’intervento chirurgico può essere eseguito per rimuovere la parte dello stomaco colpita dal cancro o per rimuovere l’intero stomaco in casi più avanzati.
  2. Radioterapia: La radioterapia utilizza radiazioni ad alta energia per distruggere le cellule tumorali. Può essere utilizzata prima dell’intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore o dopo l’intervento chirurgico per eliminare eventuali cellule cancerose residue.
  3. Chemioterapia: La chemioterapia coinvolge l’uso di farmaci antitumorali per uccidere le cellule cancerose o impedire la loro crescita. Può essere somministrata prima dell’intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore o dopo l’intervento chirurgico per eliminare eventuali cellule cancerose rimanenti.
  4. Terapie mirate: Queste terapie sfruttano farmaci specifici per mirare a specifiche alterazioni molecolari presenti nelle cellule tumorali dello stomaco. Possono essere utilizzate in combinazione con la chemioterapia o come opzione di trattamento individuale.

Conclusioni

Com’è possibile capire il cancro allo stomaco è un male diffuso e molto aggressivo. Che la morte di Ana Paula possa indurre ancora di più alla prevenzione e alla scelte di viverre al meglio delle nostre possibilità. In questo momento di tristezza, i nostri pensieri vanno al marito Carlos, alla famiglia Borgo e a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscere e condividere momenti preziosi con Ana Paula. Che possano trovare conforto nella memoria delle sue gesta e nel ricordo di una persona straordinaria che ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo della pallavolo e oltre.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento