La Nostra Grande Italia in campo per la cura dei feriti in Ucraina

L’Italia si impegna per la cura dei feriti in Ucraina

L’Italia sta dimostrando il suo impegno nella cura dei feriti in Ucraina, esportando competenze nel campo delle protesi e della riabilitazione. Militari e civili feriti vengono curati sia sul posto che trasferiti in Italia, per consentire ai medici di affrontare i casi più complessi nelle sei strutture di eccellenza coinvolte nel progetto.

Il progetto e le strutture coinvolte

L’impegno dell’Italia riguarda il sostegno ai centri Superhumans e Unbroken, oltre ad altre strutture dedicate alla cura dei feriti della guerra in Ucraina. Una partnership tra ospedali italiani di eccellenza, attualmente sei, di Roma e Bologna, offre il suo contributo nel campo degli interventi protesici e di riabilitazione. La delegazione italiana guidata dal Ministero della Salute, comprendente anche rappresentanti tecnici di Inail e Croce Rossa Italiana, è presente a Leopoli per visitare le strutture di cura e riabilitazione Superhumans, Unbroken e Galychyna.

Assistenza a donne e bambini

Il progetto si concentra sull’assistenza medica in loco e sul trasferimento in Italia di casi complessi, oltre alla formazione del personale medico ucraino e all’ampliamento delle capacità infrastrutturali e tecnologiche. L’obiettivo è la creazione di centri di eccellenza in Ucraina, seguendo l’esempio italiano. Le competenze dei medici italiani verranno impiegate per sostenere concretamente anche le fasce più fragili, come bambini, donne e famiglie. La regione Lombardia ha già stanziato 500mila euro per l’emergenza in Ucraina.

La delegazione italiana a Leopoli

La delegazione italiana presente a Leopoli ha il compito di rendere operativo il progetto sanitario studiato dagli esperti convocati dal Ministro della Salute, Orazio Schillaci. Durante il tour, gli esperti italiani sono affiancati da rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri, dell’Ambasciata d’Italia a Kiev e dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS). Durante la permanenza in Ucraina, la delegazione avrà incontri con il Governatore della regione di Leopoli, rappresentanti del Ministero della Salute ucraino, direttori, medici e pazienti delle strutture coinvolte nel progetto. Questa iniziativa rappresenta un forte impegno dell’Italia per la ricostruzione dell’Ucraina, dopo la visita della presidente Giorgia Meloni a Kiev nel febbraio 2023.

Conclusioni

L’azione dell’Italia per la cura dei feriti in Ucraina dimostra l’importanza della collaborazione internazionale nel campo della sanità e della riabilitazione. Grazie all’esperienza italiana, vengono offerte competenze e supporto a chi ha subito gravi traumi a causa del conflitto. Il progetto rappresenta una testimonianza concreta del ruolo che l’Italia svolge a livello internazionale nella promozione della salute e del benessere. La firma di un accordo di cooperazione tra i due paesi potrà sicuramente rafforzare ulteriormente questo impegno, portando benefici tangibili alle persone colpite dalla guerra.

Fonti

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento