La nuova variante Acrux di SARS-CoV-2: cosa sappiamo e perché preoccupa gli esperti

Nuova variante Acrux di SARS-CoV-2: cosa cambia e quali rischi per la pandemia?

Recentemente è stata individuata una nuova variante del SARS-CoV-2, denominata Acrux o Xbb.2.3. Questa variante si è diffusa in diversi paesi del mondo, tra cui India, Stati Uniti, Spagna e alcune regioni asiatiche. Questa variante ha suscitato preoccupazione tra gli esperti e ha sollevato interrogativi riguardo alla sua contagiosità. Ha posto interrogativi anche riguardo alla sua capacità di eludere le misure di prevenzione e al suo impatto sulla pandemia.

La variante Acrux ha ricevuto il nome dal sistema stellare Alfa Crucis e ha mostrato una maggiore trasmissibilità rispetto alle varianti precedenti del virus. Tuttavia, gli esperti sono ancora in fase di studio per comprendere appieno le sue caratteristiche e il suo impatto sulla salute pubblica.

Acrux
Figura 1 – E’ stata recentemente identificata la nuova variante Acrux di SARS-CoV-2: cosa cambia adesso e quali sono i rischi per la pandemia?

I paesi colpiti da questa variante virale

Secondo i dati emersi finora, i paesi maggiormente colpiti dalla variante Acrux sono Singapore (26%) e India (22%). Seguono Spagna (11%) e Australia (8%), che hanno segnalato un recente aumento dei casi. La variante Acrux è stata individuata anche in Giappone, Corea del Sud, Cina, Regno Unito e Stati Uniti. Tuttavia, le varianti Kraken e Arturo, anch’esse derivate da Xbb, rimangono le più diffuse in questi paesi.

La preoccupazione degli esperti riguarda anche la comparsa di nuovi mutanti derivati dalla variante Acrux, come Xbb.2.3.2, considerata la più veloce, e Xbb.2.3.8, che richiederanno un’attenzione particolare per monitorare la loro diffusione e comprendere il loro impatto sulla pandemia.

In Italia, come nel resto del mondo, le cinque principali varianti in circolazione derivano dall’Omicron: Kraken, Arturo, Centaurus, Cerberus e Hyperion. Tuttavia, la diffusione della variante Acrux è stata segnalata anche nel nostro Paese, sollevando la necessità di monitorare attentamente la sua diffusione e adottare misure appropriate per prevenire la sua diffusione.

Infine, è stata ufficializzata l’ordinanza degli Stati Uniti che elimina l’obbligo di vaccinazione contro il Covid-19 per i dipendenti federali e i viaggiatori internazionali che arrivano in aereo a partire dall’11 maggio. Tuttavia, gli esperti sollevano dubbi e preoccupazioni riguardo a questa decisione, poiché la vaccinazione è un’importante misura di prevenzione per la diffusione del virus e per ridurre il rischio di nuove varianti. Inoltre, questa decisione potrebbe favorire la diffusione della variante Acrux e di altri mutanti del virus, aumentando il rischio di una nuova ondata di contagi.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile anche per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a temi che trattano salute, benessere, nutrizione e medicina.

Lascia un commento