Aumento dei casi di Covid-19 nel mondo: cosa dice l’OMS?

Dopo un periodo di calo costante della pandemia da Covid-19 nel mondo, si è registrata una preoccupante inversione di tendenza: il numero di casi mensili sta di nuovo crescendo e ha superato il milione. Questo aumento è stato principalmente guidato da un significativo aumento dei contagi in Corea del Sud, che ha visto un’esplosione dei casi nel mese di luglio, rappresentando più dei tre quarti dei casi registrati globalmente tra il 3 e il 30 luglio scorso. Tuttavia, vale la pena notare che, nonostante l’aumento dei contagi, i decessi continuano a diminuire, suggerendo una potenziale decrescita della gravità della malattia o l’efficacia delle misure di contenimento.

I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Secondo l’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i contagi da SarsCoV2 hanno continuato a scendere in tutto il mondo nell’ultimo mese, ad eccezione della regione del Pacifico Occidentale, che comprende l’Estremo Oriente e l’Oceania. In questa regione, si è concentrato l’82% dei casi (850 mila su 1 milione), con un aumento del 38% rispetto al mese precedente. Tuttavia, va sottolineato che l’OMS ha sollevato delle perplessità riguardo all’accuratezza dei dati segnalati, in quanto potrebbero essere influenzati dalla riduzione dei test e delle segnalazioni a livello globale.

Situazione per Paesi

Corea del Sud

La Corea del Sud è stata uno dei paesi maggiormente colpiti dall’aumento dei casi di Covid-19 nel mese di luglio. Il Paese ha registrato un raddoppio dei casi, raggiungendo i 751 mila contagi nel solo mese di luglio. Questo dato allarmante evidenzia la necessità di continuare a monitorare attentamente la situazione e ad adottare misure di contenimento adeguate.

Brasile, Perù ed Australia

Per quanto riguarda i decessi, il Brasile si è posizionato al primo posto con 695 morti nell’ultimo mese, seguito da Perù con 321 e l’Australia con 260. Questi numeri indicano che alcune regioni stanno ancora lottando contro l’impatto devastante della pandemia, richiedendo interventi urgenti per proteggere la salute pubblica.

Europa

Fortunatamente, nella maggior parte dei Paesi europei, i contagi continuano a scendere. L’Europa ha registrato circa 60 mila nuovi casi nell’ultimo mese, con un notevole calo del 66% rispetto al mese precedente. Ad esempio, l’Italia ha riportato 13 mila nuovi casi, diventando il secondo Paese per numero di contagi dopo la Russia (15 mila). È comunque incoraggiante notare che anche l’Italia ha sperimentato una riduzione significativa dei contagi del 48% rispetto al mese precedente, indicando l’efficacia delle misure di contenimento adottate.

Considerazioni finali sull’aumento dei casi di Covid-19 nel mondo

L’aumento dei casi di Covid-19 nel mondo, sebbene preoccupante, può essere affrontato con efficaci misure di contenimento e con una stretta collaborazione tra i Paesi per condividere informazioni e strategie. È essenziale continuare a seguire le linee guida dell’OMS e dei governi locali per ridurre il rischio di trasmissione del virus e per proteggere la salute pubblica.

Fonti:

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento