Nuovi virus nei ghiacciai tibetani: lo studio e le possibili conseguenze

Print Friendly, PDF & Email

Nuovi virus nei ghiacciai

Mentre la Cina si trova a dover fronteggiare l’epidemia del nuovo coronavirus, una nuova minaccia sembra incombere sulla nazione: sono stati scoperti nuovi virus intrappolati nel ghiacciaio di Guliya, sull’altopiano tibetano nord-occidentale.

Lo studio dei nuovi virus sui ghiacciai

Lo studio, pubblicato sulla rivista bioRxiv ed effettuato da ricercatori delle Università dell’Ohio, del Nebraska e del Joint Genome Institute (JGI) del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (JGI), ha portato a una scoperta sorprendente: ben 33 nuovi gruppi virali.

Il team ha analizzato due campioni di ghiaccio risalenti a 15.000 anni fa, prelevati a 50 metri di profondità dall’Altopiano tibetano.

Gli abitanti dei ghiacciai

Di questi 33 gruppi virali, 28 sembrano essere sconosciuti. Tra quelli noti, 3 appartengono alla famiglia Siphoviridaee e un altro alla famiglia Myoviridae; Siphoviridae e Myroviridae, insieme a Podoviridae fanno parte dell’ordine Caudovirales.

Le famiglie di virus appartenenti a questo ordine, si caratterizzano per alcune strutture peculiari: una testa, un capside, un acido nucleico, un collare, una guaina, una coda con annesse fibre e una base.

tipica struttura dei caudovirales
Figura 1 – tipica struttura dei Caudovirales

Le tre famiglie si differenziano tra loro perchè i Myoviridae hanno lunghe code contrattili, i Podoviridae hanno code corte non contrattili e i Siphoviridae (famiglia a cui appartiene anche il fago lambda) hanno lunghe code non contrattili.

Identificati poi alcuni dei batteri che abitano i ghiacciai tibetani, tra cui Methylobacterium, dell’ordine Rhizobiales; Sphingomonas, un gruppo di batteri Gram-negativi, chemoetereterotrofi, aerobici, appartenenti all’ordine Sphingomonadales; e Janthinobacteriu, anch’essi Gram-negativi.

Studiare i microrganismi che abitano i ghiacciai è fondamentale per poterli contenere e contrastare nel caso in cui si verificasse il fenomeno dello scioglimento dei ghiacciai, diretta conseguenza del surriscaldamento globale.

scioglimento dei ghiacciai
Figura 2 – scioglimento dei ghiacciai

Il caso del 2016 in Russia

Già nel 2016 si era verificata una situazione simile. A Salekhard, città situata sul circolo polare artico, nell’estremo nord della Russia, in seguito allo scioglimento di un ghiacciaio, scattò l’allarme per un’epidemia di antrace che uccise un bambino di 12 anni e infettò 72 pastori nomadi.

L’antrace, o carbonchio, è un’infezione causata dal batterio Gram-positivo Bacillus anthracis. Il bacillo infesta soprattutto animali erbivori selvatici o domestici motivo per cui, nell’epidemia del 2013, esso sembrò derivare dal cadavere di una renna contaminata.

Bacillus anthracis responsabile dell'antrace
Figura 3 – Bacillus anthracis

Elena Panariello

Fonti

Rispondi