Polmoniti in Cina: Cosa Sono e Come Prevenirle – La Situazione in Italia

Le recenti notizie sull’epidemia di polmoniti in Cina, con sospetti di infezioni da Mycoplasma pneumoniae e virus respiratorio sinciziale, hanno sollevato molte domande sulla natura di queste patologie e su come sia possibile prevenirle. In questo articolo, esploreremo cosa sono le polmoniti da Mycoplasma pneumoniae e da virus respiratorio sinciziale, come si prevengono e come vengono trattate. Inoltre, daremo uno sguardo alla situazione in Italia e alle misure di prevenzione adottate.

Polmoniti in Cina
Figura 1 – Polmoniti in Cina

Polmoniti in Cina e Situazione in Italia

Che cos’è l’infezione batterica da Mycoplasma pneumoniae?

Per comprendere meglio l’infezione da Mycoplasma pneumoniae, abbiamo intervistato il pediatra e infettivologo Guido Castelli Gattinara, dell’Istituto per la salute del bambino e dell’adolescente dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Il dottor Castelli Gattinara è anche un componente del Tavolo tecnico sulle malattie infettive della Società italiana di pediatria (Sip). Ha spiegato che questa infezione è causata da un batterio noto come Mycoplasma pneumoniae, che è considerato “atipico” perché non ha una parete cellulare. Questo batterio può legarsi al tessuto polmonare e provocare una forma di polmonite atipica.

Trasmissione dell’infezione

Ma come avviene il contagio da Mycoplasma pneumoniae? Il dottor Castelli Gattinara ci informa che il batterio si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva o del respiro diffuse da persone infette. Questo tipo di infezione è più frequente nelle comunità chiuse, come le scuole, ed è noto per colpire sia i bambini piccoli che gli adulti.

Sintomi e Diagnosi

Quali sono i sintomi dell’infezione da Mycoplasma pneumoniae? Secondo il dottor Castelli Gattinara, i sintomi tipici includono febbre leggera o alta, tosse secca e una sensazione generale di malessere. Questi sintomi possono variare in intensità, ma è importante notare che la polmonite atipica causata da questo batterio può progredire in forme più gravi che richiedono il ricovero ospedaliero. Inoltre, il dottor Castelli Gattinara sottolinea che questa forma di polmonite si presenta senza scolo nasale o gola arrossata, il che la rende distinta da altre infezioni respiratorie.

Per quanto riguarda la diagnosi, il dottor Castelli Gattinara spiega che sono necessari esami specifici, tra cui radiografie del torace e test PCR (Polimerase chain reaction) per identificare la presenza del Mycoplasma. Questi test aiutano a confermare la diagnosi e a guidare il trattamento appropriato.

Terapie e Prevenzione

Per quanto riguarda il trattamento, il dottor Castelli Gattinara mette in guardia sull’uso indiscriminato di antibiotici. Gli antibiotici sono efficaci contro le infezioni batteriche ma non contro quelle virali. La polmonite da Mycoplasma pneumoniae richiede antibiotici specifici chiamati macrolidi, che agiscono all’interno del batterio atipico. È fondamentale che questi antibiotici vengano prescritti da un medico, evitando l’automedicazione.

La prevenzione gioca un ruolo cruciale nella gestione di questa infezione. Il dottor Castelli Gattinara raccomanda di assicurarsi che i bambini ricevano tutte le vaccinazioni raccomandate, compresa quella antinfluenzale. Inoltre, poiché il Mycoplasma pneumoniae può associarsi ad altre infezioni virali, è importante adottare misure di prevenzione come il mantenimento della distanza sociale, il lavaggio frequente delle mani e l’uso di mascherine in luoghi affollati o in presenza di persone con malattie respiratorie.

Virus Respiratorio Sinciziale: Cos’è e Come Si Previene

Il virus respiratorio sinciziale è un altro agente infettivo di interesse, soprattutto in inverno. Il dottor Castelli Gattinara ci informa che, sebbene sia stato in gran parte assente durante la pandemia da COVID-19, ha visto un aumento della sua diffusione dopo la fine delle misure restrittive. Questo virus può causare gravi danni nei bambini prematuri o con condizioni di salute fragili. Purtroppo, non esiste ancora un vaccino per il virus respiratorio sinciziale in età pediatrica, e gli antivirali non sono efficaci contro di esso.

Per prevenire questa infezione nei bambini piccoli più fragili, è necessario somministrare specifici anticorpi monoclonali durante la stagione invernale, soprattutto in ospedale e nei centri vaccinali.

Co-Infezioni e Misure di Prevenzione

Il dottor Castelli Gattinara sottolinea l’importanza di prendere sul serio le co-infezioni, poiché sono spesso associate a malattie più gravi. Le misure di prevenzione, come il distanziamento sociale, il lavaggio delle mani e l’uso di mascherine, sono fondamentali per proteggere i bambini e le persone fragili da queste infezioni.

La Situazione in Italia e il Monitoraggio

Infine, abbiamo cercato di comprendere la situazione in Italia rispetto alle polmoniti e alle infezioni respiratorie. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), il sistema di sorveglianza delle malattie respiratorie in Italia, noto come RespiVirNet, è pienamente operativo e monitora costantemente l’andamento delle infezioni nel paese. Grazie a questa rete di monitoraggio, in collaborazione con le Regioni e il Ministero della Salute, è possibile rilevare eventuali aumenti anomali nelle infezioni respiratorie. In caso di emergere un nuovo virus, il sistema è pronto a rilevarlo e adottare le misure necessarie.

In questo periodo, è normale registrare un aumento delle sindromi simil-influenzali, tipiche della stagione fredda. Tuttavia, è importante notare che il sistema di monitoraggio in Italia è efficace nel rilevare eventuali variazioni nelle infezioni respiratorie.

In conclusione, è essenziale adottare misure di prevenzione per proteggere la salute dei bambini e delle persone fragili da infezioni respiratorie, comprese quelle causate da Mycoplasma pneumoniae e virus respiratorio sinciziale. In Italia, il sistema di monitoraggio è attivo e pronto a reagire a eventuali emergenze, garantendo così la sicurezza della popolazione.

Fonti

Foto dell'autore

Nazzareno Silvestri

Sono Nazzareno, scrivo da Messina. Il mio amore per la divulgazione scientifica nasce tanti anni fa, e si concretizza nel pieno delle sue energie oggi, per Microbiologia Italia. Ho diverse passioni: dalla scienza al fitness. Spero che il mio contributo possa essere significativo per ogni lettore e lettrice, tra una pausa e l'altra.

Rispondi