Creazione di embrioni umani sintetici: avanzamento rivoluzionario

La creazione di embrioni umani sintetici

La recente scoperta di Magdalena Zernicka-Goetz, una rinomata scienziata dell’Università di Cambridge e del California Institute of Technology, ha sollevato grandi aspettative nella comunità scientifica. Durante il meeting annuale dell’International Society for Stem Cell Research a Boston, Zernicka-Goetz ha annunciato di essere riuscita a creare embrioni umani sintetici utilizzando esclusivamente cellule staminali. Questo incredibile traguardo, riportato in un articolo esclusivo del Guardian, rappresenta un importante passo avanti nella ricerca sulle cellule staminali e apre nuove prospettive per la comprensione del nostro sviluppo embrionale.

embrioni umani sintetici
Figura 1 – Creati per la prima volta embrioni umani sintetici

Gli embrioni umani sintetici: un nuovo modo di studiare lo sviluppo umano

Gli embrioni sintetici sono strutture che si formano a partire dalle cellule staminali e non richiedono l’utilizzo di ovuli e spermatozoi. Questi embrioni, sebbene non abbiano un cuore pulsante o un cervello, comprendono le cellule che normalmente avrebbero dato origine alla placenta, al sacco vitellino e all’embrione stesso. Secondo gli scienziati, questi embrioni modello potrebbero rappresentare una “finestra cruciale sull’impatto dei disturbi genetici e sulle cause biologiche degli aborti ricorrenti”. La capacità di creare questi modelli di embrioni umani sintetici attraverso la riprogrammazione delle cellule staminali embrionali apre nuovi orizzonti nella comprensione dello sviluppo umano.

Potenziali implicazioni etiche e legali

Nonostante questo straordinario progresso scientifico, l’annuncio solleva importanti questioni etiche e legali. Attualmente, le entità sviluppate in laboratorio non sono regolamentate dalla legislazione vigente nel Regno Unito e nella maggior parte degli altri Paesi. Ciò solleva preoccupazioni su come gestire il controllo e la supervisione di queste strutture sintetiche. Tuttavia, il risultato raggiunto rappresenta una pietra miliare nella ricerca scientifica. Ciò apre la strada a una migliore comprensione dello sviluppo embrionale e dei disturbi genetici correlati.

Modellare lo sviluppo embrionale umano per una migliore comprensione

L’obiettivo principale di questa innovativa scoperta è quello di modellare lo sviluppo embrionale umano utilizzando le cellule staminali. Secondo Robin Lovell-Badge, responsabile di Stem cell biology and developmental genetics presso il Francis Crick Institute di Londra, questa tecnica consentirebbe di ottenere una vasta quantità di informazioni sulle prime fasi dello sviluppo umano e sulle eventuali anomalie che potrebbero verificarsi. Ciò apre la possibilità di studiare l’inizio dello sviluppo umano senza la necessità di utilizzare embrioni precoci per scopi di ricerca.

In precedenza, sia il team di Zernicka-Goetz che un altro gruppo di scienziati dell’Istituto Weizmann in Israele, avevano dimostrato che le cellule staminali dei topi possono autoassemblarsi in strutture embrionali precoci con caratteristiche come un tratto intestinale, l’inizio di un cervello e un cuore pulsante. Questi studi hanno stimolato una competizione scientifica per tradurre tali risultati sui topi in modelli umani, e diversi team di ricerca hanno replicato con successo le prime fasi dello sviluppo embrionale umano.

Un nuovo livello di sviluppo: la gastrulazione

Il recente lavoro del laboratorio Cambridge-Caltech, guidato da Zernicka-Goetz, ha portato a risultati significativi nella coltivazione di embrioni sintetici. Le strutture modello, cresciute a partire da singole cellule staminali embrionali, raggiungono un livello di sviluppo noto come gastrulazione. Durante questo processo, l’embrione si trasforma da un foglio continuo di cellule a una formazione di linee cellulari distinte e all’impostazione degli assi di base del corpo. Nonostante in questa fase l’embrione non presenti un cuore pulsante, un intestino o un inizio di cervello, è stata riscontrata la presenza di cellule primordiali che sono le precursori delle cellule uovo e degli spermatozoi. Questo modello umano di embrione a tre linee rappresenta un risultato significativo nel campo della ricerca sullo sviluppo umano.

Implicazioni futuristiche e linee guida volontarie

Il rapido progresso scientifico nel campo degli embrioni sintetici ha superato le attuali leggi vigenti nel Regno Unito e in molti altri Paesi. Di conseguenza, gli scienziati e i legislatori si stanno già mobilitando per sviluppare linee guida volontarie per regolamentare il lavoro su queste strutture sintetiche. Secondo Lovell-Badge, se i modelli degli embrioni sintetici sono così simili agli embrioni umani normali, dovrebbero essere trattati allo stesso modo. Questa necessità di regolamentazione diventa sempre più urgente per garantire che il progresso scientifico venga gestito in modo etico e responsabile.

Conclusione

La creazione di embrioni umani sintetici a partire da cellule staminali rappresenta un importante traguardo nella ricerca sulle cellule staminali e nello studio dello sviluppo embrionale. Questa scoperta offre nuove possibilità per comprendere i disturbi genetici e le cause degli aborti ricorrenti. Tuttavia, solleva anche importanti questioni etiche e legali che richiedono una regolamentazione adeguata. Il futuro della ricerca sugli embrioni sintetici richiederà un equilibrio tra l’innovazione scientifica e la tutela dei valori etici e dei diritti umani. Sviluppando linee guida e normative adeguate, saremo in grado di massimizzare i benefici di questa ricerca e garantire un uso responsabile delle scoperte scientifiche per il bene dell’umanità.

Fonti

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento