Scoperta una nuova arma contro i batteri resistenti agli antibiotici

Una nuova arma contro le infezioni batteriche: la fine dell’antibiotico-resistenza?

Un team internazionale di scienziati ha scoperto una nuova arma in grado di uccidere lo Staphylococcus aureus, una delle specie batteriche più pericolose e resistenti agli antibiotici. L’endolisina, una versione artificiale di un enzima prodotto naturalmente dai batteriofagi, sembra essere la risposta alla crescente diffusione di batteri resistenti agli antibiotici. L’antibiotico resistenza è un fenomeno che sta portando alla diminuzione dell’efficacia dei farmaci esistenti per il trattamento delle infezioni batteriche.

Endolisina, la nuova arma contro i batteri e le infezioni batteriche

Il team di ricercatori ha dimostrato, attraverso test di laboratorio, che l’endolisina può uccidere il batterio sia se è resistente che se non lo è. Questo apre di fatto la strada allo sviluppo di nuove terapie contro le infezioni batteriche. E lo fa soprattutto per le persone con sistema immunitario indebolito da terapie come la chemioterapia o che utilizzano dispositivi medici invasivi. Lo Staphylococcus aureus è un comune abitante della pelle e del tratto nasale umano, ma quando riesce a superare queste barriere può provocare infezioni cutanee minori. Queste infezioni sono rappresentate da foruncoli e ascessi, ma anche malattie potenzialmente letali come polmonite e infezioni del sangue, particolarmente preoccupanti quando causate da ceppi resistenti agli antibiotici, come la meticillina (MRSA).

La scoperta di questa nuova sostanza apre la strada a nuovi approcci terapeutici per il trattamento delle infezioni batteriche, specialmente per quelle causate da ceppi resistenti agli antibiotici. Questa scoperta potrebbe rappresentare un importante passo avanti nella lotta contro l’antibiotico-resistenza.

L’alternativa agli antibiotici: endolisina, la nuova speranza nella lotta ai batteri resistenti

Un’importante scoperta potrebbe offrire una soluzione alla crescente problematica dell’antibiotico-resistenza. Un team di ricercatori internazionali ha individuato una nuova classe di agenti antibatterici chiamati endolisine. Le endolisine sono enzimi prodotti naturalmente dai batteriofagi, i virus che infettano i batteri. In particolare, una versione artificiale dell’endolisina chiamata XZ.700 è stata sviluppata per prendere di mira la parete cellulare di Staphylococcus aureus. S. aureus è la specie più pericolosa della famiglia degli stafilococchi, e uccidere i batteri dall’interno, indipendentemente dalla loro resistenza agli antibiotici.

La ricerca, pubblicata sul Journal of Investigative Dermatology, ha dimostrato che l’endolisina XZ.700 è in grado di uccidere i ceppi di S. aureus resistenti e non resistenti che erano stati isolati da pazienti, senza danneggiare i batteri innocui della pelle. Inoltre, la sostanza ha impedito la colonizzazione di S. aureus su campioni di pelle sana e su biopsie di pelle lesionata da pazienti con linfoma cutaneo, rimuovendo le colonie di batteri già presenti sulla pelle.

La scoperta ha anche evidenziato un ulteriore effetto positivo. L’endolisina XZ.700 inibisce la capacità dei ceppi di S. aureus di promuovere la crescita tumorale, in particolare nel linfoma cutaneo. Ciò suggerisce che l’endolisina potrebbe avere anche un potenziale impatto sulla prevenzione del cancro della pelle.

Conclusioni

La ricerca sottolinea la necessità di sviluppare nuove soluzioni antibatteriche per combattere l’antibiotico-resistenza. La disponibilità di nuovi antibiotici è infatti limitata e la resistenza ai farmaci esistenti continua a crescere. L’endolisina XZ.700 potrebbe rappresentare una nuova frontiera nella lotta contro l’antibiotico-resistenza e una nuova speranza per il trattamento delle infezioni batteriche.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino e sono il creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Il portale di Microbiologia Italia è utile anche per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a temi che trattano salute, benessere, nutrizione e medicina.