Curiosità sui microrganismi

Il mondo dei microrganismi è un universo affascinante e misterioso, che ci riserva molte sorprese. I microrganismi sono organismi invisibili a occhio nudo e ancora poco conosciuti. Ma proviamo a scoprirne di più in questo articolo, per conoscere alcune curiosità. A questa categoria appartengono Protozoi, Batteri, Virus, Alghe unicellulari, ma ci soffermeremo in particolare sui batteri per comprendere meglio questo mondo affascinante.

Batteri sotto la lente d'ingrandimento
Figura 1 – I microrganismi sotto la lente. [Fonte: https://sanytol.com/]

Vivono in ambienti estremi

Si stima che sulla Terra vi siano circa 1030 batteri, un numero 10 volte superiore alla popolazione umana. Questi organismi sono presenti in tutti gli ambienti, sia terrestri che acquatici, dall’aria all’acqua, dal suolo agli organismi viventi, ma si possono trovare anche negli ambienti più estremi.

Ambienti caratterizzati da temperature elevate, acidità elevata o radiazioni ionizzanti. Ad esempio, sono stati trovati batteri in sorgenti termali a temperature di oltre 100°C, batteri termoacidofili caratterizzati da proteine che li proteggono dal calore e dall’acidità; batteri acidotrofi che presentano enzimi che funzionano a pH bassi sono stati trovati all’interno di acidi sulfurici con pH inferiore a 0 e batteri ipertermofili sono stati trovati persino nelle profondità della crosta terrestre a temperature di oltre 100°C. Un particolare batterio, Deinococcus radiodurans, è in grado di sopravvivere a dosi di radiazioni ionizzanti che sarebbero letali per la maggior parte degli organismi. Anche negli ambienti spaziali sembrano esserci batteri psicrofili che vivono in ambienti freddi e hanno enzimi che funzionano a basse temperature, come sulla superficie di Marte.

I microrganismi sono essenziali per la vita sulla Terra

I microrganismi sono essenziali per la vita sulla Terra. Alcuni sono responsabili della fotosintesi, come i Cianobatteri, dei batteri fotosintetici che producono ossigeno e diversi nutrienti essenziali per gli altri organismi viventi. Altri batteri sono responsabili della decomposizione della materia organica che rilascia nutrienti nel suolo, nutrienti utilizzabili dalle piante per la loro crescita. I microrganismi sono anche coinvolti nella regolazione del clima in una varietà di modi, tra cui la produzione di gas serra e la regolazione del ciclo dell’acqua. E sono importanti anche per il ciclo del carbonio, dell’azoto e del fosforo.

Sono utilizzati in molti prodotti e processi industriali

Una particolare curiosità sui microrganismi è il loro utilizzo in molti prodotti e processi industriali. Ad esempio, sono utilizzati per produrre antibiotici, per la fermentazione di bevande e alimenti e per la purificazione dell’acqua. Gli antibiotici sono farmaci che servono a combattere le infezioni batteriche e spesso sono ottenuti da batteri o funghi. La fermentazione è un processo mediante il quale i microrganismi trasformano la materia organica in assenza di ossigeno, come i batteri che fermentano il grano e vengono sfruttati per produrre birra e vino, mentre i lieviti che fermentano il grano sono utilizzati per produrre il pane. I microrganismi vengono anche sfruttati per rimuovere contaminanti dall’acqua. Questo processo è noto come biodepurazione e alcuni microrganismi sono in grado di degradare i contaminanti organici e inorganici presenti nell’acqua.

I batteri si evolvono rapidamente

Batteri
Figura 2 – Batteri. [Fonte: https://pixabay.com/]

I microrganismi si evolvono rapidamente. In condizioni favorevoli, possono adattarsi e sviluppare nuove caratteristiche in poche generazioni, in risposta a cambiamenti ambientali. I batteri hanno un ciclo di vita molto breve e si riproducono per scissione binaria. Questo processo molto veloce consente un rapido accumulo di mutazioni genetiche che possono essere vantaggiose per i batteri. L’evoluzione così rapida dei microrganismi è un’enorme sfida per la salute umana e animale, perché i batteri sono in grado di acquisire e sviluppare mutazioni che li rendono resistenti agli antibiotici.

I microrganismi comunicano tra loro

I microrganismi possono comunicare tra loro in modi complessi. Alcuni batteri rilasciano molecole chimiche che vengono rilevate da altri batteri, che possono quindi rispondere di conseguenza. Queste molecole possono essere utilizzate per trasmettere informazioni, come la presenza di cibo o di predatori. Questa comunicazione è importante per la sopravvivenza e la diffusione dei batteri stessi.

Che dimensioni hanno i microrganismi?

Per conoscere un’altra curiosità sui microrganismi parliamo di dimensioni! Una cellula batterica misura in genere da 1 a 10 μm, ma queste misure possono variare. Uno dei batteri più piccoli al mondo è Mycoplasma genitalium. Un batterio parassita che colonizza il tessuto epiteliale ciliato urogenitale e respiratorio dei primati. Ha un diametro che oscilla tra i 150 e i 250 μm, che è circa un millesimo della dimensione di un globulo rosso umano. Mycoplasma genitalium è un batterio Gram-negativo, aerobio facoltativo, che si nutre di zuccheri semplici e aminoacidi. È un patogeno umano, che può causare uretrite, cervicite e prostatite.

Uno dei batteri più grandi al mondo è Thiomargarita namibiensis. Un batterio che vive nel fango delle coste della Namibia. Può raggiungere una lunghezza di 0,75 mm, che è molto più grande della maggior parte dei batteri, che sono visibili solo al microscopio. È un batterio Gram-negativo, aerobio obbligato, che si nutre di zolfo e ossigeno.

I microrganismi possono essere molto pericolosi

Infine, vediamo un’altra curiosità sui microrganismi che potrebbe farci un po’ paura: tra i batteri considerati più pericolosi ci sono Acinetobacter baumannii, Pseudomonas aeruginosa, Enterococcus faecium, Staphylococcus aureus, Mycobacterium tuberculosis, Yersinia pestis e Vibrio cholerae, tutti batteri altamente patogeni e resistenti agli antibiotici.

La pericolosità di un batterio può variare a seconda di una serie di fattori, tra cui:

  • la patogenicità, la capacità di un batterio di causare malattie;
  • la resistenza agli antibiotici, il batterio acquisisce la capacità di resistere agli effetti degli antibiotici;
  • la diffusione, la capacità di un batterio di diffondersi da una persona all’altra o da un animale all’altro.

Per tutti questi motivi è molto importante essere consapevoli della loro pericolosità, conoscere le loro caratteristiche e cercare di adottare misure preventive per proteggersi dalle infezioni batteriche. La microbiologia è un campo molto affascinante e in continua evoluzione, che ci offre sempre nuove scoperte e sorprese. Si tratta di una scienza relativamente giovane, ma che ha fatto molti progressi che ci permettono di conoscere i microrganismi in modo più approfondito e di comprendere meglio il loro ruolo nell’ambiente e la loro interazione con l’uomo.

Fonti

Crediti immagini

  • Immagine in evidenza: https://it.freepik.com/foto-gratuito/chiuda-sulle-mani-che-tengono-la-capsula-di-petri_12892371.htm#query=batteri&position=47&from_view=search&track=sph&uuid=53dda987-70ef-42b0-9182-4631a6fdaf5e
  • Figura 1: https://sanytol.com/what-is-a-microbe/
  • Figura 2: https://pixabay.com/it/illustrations/batteri-medico-biologia-salute-3662695/
Foto dell'autore

Roberta Galasso

Sono Roberta Galasso, neolaureata magistrale in Biologia, con indirizzo patologico-molecolare. Sono da sempre affascinata dalla scienza e dai suoi numeri. Sono anche appassionata di psicologia e convinta dell'importanza di divulgare le conoscenze scientifiche per avere un impatto positivo sulla salute e sul benessere delle persone.

Rispondi