Perché la gente crede ai complotti?

I complotti sono argomenti affascinanti che spesso catturano l’attenzione delle persone in modo significativo. Ci sono persone che credono fermamente in teorie del complotto che vanno dalla presunta finta atterraggio sulla Luna alla convinzione che il governo sia coinvolto in oscure trame segrete. Ma perché la gente crede ai complotti? Qual è la ragione dietro questa diffusa inclinazione verso idee apparentemente irrazionali?

Nell’era moderna, il fenomeno dei complotti è diventato particolarmente diffuso grazie all’accesso immediato alle informazioni attraverso internet e ai social media. Le persone sono esposte a una quantità enorme di informazioni, spesso non verificate o provenienti da fonti non autorevoli. Questa sovrabbondanza di informazioni può creare confusione e favorire la diffusione di teorie del complotto.

gente crede complotti
Figura 1 – Ci sono diverse ragioni per cui tanta gente crede facilmente ai complotti: tra queste ci sono la basse scolarizzazione e fattori psicologici

Le motivazioni per cui la gente crede ai complotti

Fattori psicologici

Esistono diversi fattori psicologici che possono influenzare la propensione delle persone a credere ai complotti. Uno dei principali fattori è la necessità di dare un senso agli eventi complessi. Gli esseri umani tendono a cercare spiegazioni per gli eventi che sembrano inspiegabili o fuori dal comune. Le teorie del complotto offrono una narrativa semplice e convincente che può dare un senso a situazioni complesse e caotiche.

Inoltre, alcune persone possono trovare conforto nell’idea che qualcuno o qualcosa sia responsabile per i problemi che affrontano nella loro vita. Credere a un complotto può dare loro un senso di controllo e sicurezza, anche se questa convinzione è fondata su basi deboli o addirittura false.

Difetti nella valutazione delle prove

Un altro motivo per cui le persone credono ai complotti è la carenza di abilità critiche nella valutazione delle prove. Molte teorie del complotto si basano su evidenze deboli o manipolate, ma le persone potrebbero non essere in grado di riconoscere queste fallacie. La mancanza di alfabetizzazione scientifica e di comprensione dei processi di verifica delle informazioni può rendere più facile per i complottisti diffondere la loro narrativa.

Inoltre, l’effetto di conferma gioca un ruolo significativo. Le persone tendono a cercare e interpretare le prove in modo selettivo, dando più peso alle informazioni che confermano le loro convinzioni preesistenti. Ciò può rafforzare ulteriormente le credenze dei complottisti, creando un circolo vizioso difficile da rompere.

Fattori sociali

I fattori sociali possono svolgere un ruolo chiave nella diffusione delle teorie del complotto. L’appartenenza a una comunità che condivide una determinata visione del mondo può rafforzare le credenze complottiste. Le persone tendono ad essere influenzate dalle opinioni dei loro coetanei e cercano l’appartenenza a gruppi che sostengono le loro idee. Inoltre, i social media e le piattaforme online offrono un terreno fertile per la diffusione delle teorie del complotto. Le informazioni condivise all’interno di queste comunità possono essere amplificate e raggiungere un pubblico più vasto, alimentando ulteriormente la credenza nei complotti.

Un altro fattore sociale è la diffidenza verso le istituzioni e le fonti di autorità. In alcuni casi, le persone possono sentirsi tradite o deluse dalle istituzioni o dai media tradizionali e cercare fonti alternative di informazioni. La mancanza di fiducia nelle istituzioni può spingere le persone a cercare spiegazioni alternative, anche se non sono basate su prove solide.

Come contrastare la diffusione dei complotti a cui la gente crede?

Contrastare la diffusione delle teorie del complotto è una sfida complessa, ma ci sono alcune strategie che possono essere adottate. Uno dei primi passi è promuovere l’alfabetizzazione mediatica e scientifica. Le persone devono essere in grado di valutare criticamente le informazioni che ricevono, distinguendo tra fonti affidabili e non affidabili.

Inoltre, è importante favorire un dialogo aperto e rispettoso. Le persone che credono ai complotti spesso si sentono emarginate o sottovalutate, e possono rifiutare automaticamente qualsiasi prova contraria alle loro convinzioni. Ascoltare e comprendere le preoccupazioni delle persone può aiutare a costruire un ponte di fiducia e aprire la porta a una discussione più costruttiva.

Le istituzioni, i media e i leader comunitari devono comunicare in modo chiaro e trasparente, fornendo informazioni accurate e confutando le teorie del complotto con prove solide. È importante anche svolgere attività di debunking, confutando specifiche teorie del complotto e smontando le loro argomentazioni in modo chiaro e accessibile.

Infine, è essenziale educare le persone sui meccanismi di manipolazione e disinformazione. Le persone devono essere consapevoli delle tattiche che vengono utilizzate per manipolare le informazioni e spingere determinate narrativa complottiste. Ciò può aiutare a sviluppare una maggiore resistenza alle teorie del complotto.

La gente crede complotti: conclusione

La credenza nei complotti può essere influenzata da una combinazione di fattori psicologici, difetti nella valutazione delle prove e fattori sociali. La necessità di dare un senso agli eventi complessi, la mancanza di abilità critiche nella valutazione delle prove e l’influenza sociale sono tutti fattori che possono spingere le persone a credere alle teorie del complotto.

Per contrastare la diffusione dei complotti, è necessario promuovere l’alfabetizzazione mediatica e scientifica, favorire un dialogo aperto e rispettoso, comunicare in modo chiaro e trasparente, svolgere attività di debunking e educare sulle tattiche di manipolazione e disinformazione.

Come società, è importante affrontare il fenomeno dei complotti con pazienza, comprensione e informazione accurata. Promuovere la consapevolezza critica e l’analisi razionale delle informazioni è fondamentale per contrastare la diffusione delle teorie del complotto.

È importante ricordare che la credenza nei complotti non riguarda solo le persone ingenui o ignoranti. Le teorie del complotto possono coinvolgere individui di diverse fasce di età, istruzione e background socio-economico. Affrontare questo fenomeno richiede un approccio olistico che coinvolga istituzioni, media, educatori e la società nel suo complesso.

Il nostro ruolo

Come biologi, è nostro dovere promuovere la conoscenza scientifica, la valutazione critica delle prove e l’importanza del metodo scientifico. La diffusione delle teorie del complotto può avere conseguenze negative sulla salute pubblica, sull’ambiente e sulla società nel suo insieme. La scienza e la razionalità devono essere i pilastri su cui si basa la nostra comprensione del mondo.

In conclusione, la credenza nei complotti è un fenomeno complesso che può essere influenzato da diversi fattori psicologici, difetti nella valutazione delle prove e dinamiche sociali. Affrontare questo fenomeno richiede un approccio multifattoriale che includa l’alfabetizzazione mediatica e scientifica, il dialogo aperto e rispettoso, la comunicazione chiara e trasparente, il debunking e l’educazione sulle tattiche di manipolazione e disinformazione.

È importante impegnarsi nel promuovere una cultura basata sulla razionalità, sull’analisi critica delle informazioni e sull’apertura al confronto costruttivo. Solo attraverso questi sforzi possiamo sperare di ridurre l’influenza delle teorie del complotto e promuovere una società basata sulla conoscenza, l’obiettività e la comprensione.

Bibliografia

  1. Sunstein, C. R., & Vermeule, A. (2009). “Conspiracy theories: Causes and cures.” Journal of Political Philosophy, 17(2), 202-227.
  2. Jolley, D., & Douglas, K. M. (2014). “The effects of anti-vaccine conspiracy theories on vaccination intentions.” PloS One, 9(2), e89177.
  3. Lewandowsky, S., Ecker, U. K., & Cook, J. (2017). “Beyond Misinformation: Understanding and Coping with the “Post-Truth” Era.” Journal of Applied Research in Memory and Cognition, 6(4), 353-369.
  4. Pennycook, G., & Rand, D. G. (2018). “The Implied Truth Effect: Attaching Warnings to a Subset of Fake News Stories Increases Perceived Accuracy of Stories Without Warnings.” Management Science, 67(11), 4944-4957.
  5. Bronstein, M. V. (2020). “Conspiracy Theories in the Information Age: Theory and Evidence.” World Development, 132, 104964.
  6. Pew Research Center. (2020). “Many Americans Get News on YouTube, Where News Organizations and Independent Producers Thrive Side by Side.” Retrieved from https://www.pewresearch.org/journalism/2020/07/30/about-a-quarter-of-americans-get-news-from-youtube/
  7. European Commission. (2020). “Digital Economy and Society Index (DESI) 2020.” Retrieved from https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/desi
  8. Statista. (2021). “Number of Social Media Users Worldwide from 2010 to 2025.” Retrieved from https://www.statista.com/statistics/278414/number-of-worldwide-social-network-users/
  9. Gallup. (2020). “U.S. Public Still Relies on Local TV News as Primary Source of Information.” Retrieved from https://news.gallup.com/poll/322582/public-relies-local-news-primary-source.aspx
Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Lascia un commento