Le Cure Mediche Strambe e Inutili del Passato

Nel corso della storia, l’umanità ha cercato modi strani ed eccentrici per curare malattie e malanni di ogni tipo. Da pasta di topi morti a sangue di gladiatori, molte di queste pratiche possono sembrare assurde oggi, ma erano considerate efficaci in epoche passate. In questo articolo, esploreremo alcune delle cure mediche più strambe e inutili del passato.

Pasta di Topi Morti per il Mal di Denti

Tra i vari rimedi insoliti utilizzati nel corso dei secoli per il mal di denti, spicca quello degli Egizi. Per creare una pasta da applicare sulla zona dolorante, mescolavano nientemeno che una mousse di topi morti con altri ingredienti naturali. Questa pratica può sembrare scioccante oggi, ma era una soluzione comune in quel periodo.

Piante Amare per i Disturbi Digestivi

Nell’antica Grecia, le malattie erano spesso attribuite a uno squilibrio tra i quattro umori del corpo. Per i disturbi digestivi, venivano utilizzate piante amare. La “teoria degli umori” guidava molte pratiche mediche dell’epoca, comprese le cure per problemi gastrointestinali.

Il Sangue dei Gladiatori per la Forza Fisica

Nella Roma imperiale, si credeva che bere il sangue dei gladiatori morti in combattimento potesse aumentare la forza fisica e guarire diverse malattie. Questa strana credenza si basava sull’idea che il sangue di persone forti e valorose potesse trasmettere le loro virtù a chi lo beveva.

Forare il Cranio per Curare Disturbi Mentali

In alcune civiltà, tra cui quelle precolombiane, era diffusa la pratica di perforare il cranio per curare mal di testa, lesioni e disturbi mentali. Questo procedimento era svolto con attrezzi rudimentali, più simili a quelli dei fabbri che dei medici. Si credeva che questa pratica avrebbe permesso agli spiriti maligni di lasciare il corpo.

Polvere di Mummia contro l’Epilessia

In epoca medievale e fino al Rinascimento, la polvere ottenuta dalla macinazione delle mummie egizie veniva utilizzata come rimedio per disturbi come il mal di stomaco, le emorragie e persino l’epilessia. Questa credenza può sembrare macabra, ma era comune in quel periodo.

Maschere con Becco per Allontanare la Peste

Durante l’epidemia di peste bubbonica in Italia dal 1629 al 1633, i medici indossavano maschere con un lungo becco riempito di erbe e profumi. Si credeva che filtrando l’aria in questo modo, si potesse purificarla e prevenire il contagio. Questa pratica rappresenta un esempio di come le credenze culturali possano influenzare le cure mediche.

Sanguisughe per Trattare Emicranie

Nel XIX secolo, le sanguisughe venivano utilizzate per trattare una vasta gamma di disturbi, comprese le emicranie. Questi anellidi venivano applicati alle ferite infette, in quanto si nutrivano di pelle morta e rilasciavano enzimi anticoagulanti e vasodilatatori. Tuttavia, l’efficacia delle sanguisughe era limitata a casi specifici.

L’Elettroshock come Trattamento dei Disturbi Mentali

Nel XIX secolo e all’inizio del XX, l’elettroshock era un trattamento diffuso per disturbi mentali come l’isteria e la depressione, utilizzato soprattutto in manicomi e case di cura. Tuttavia, questa procedura risultava estremamente pericolosa per i pazienti e non aveva basi scientifiche solide.

Carcasse di Balena per i Reumatismi

Nell’Australia Meridionale tra ‘800 e ‘900, si credeva che entrare nelle carcasse delle balene spiaggiate e strisciare tra le loro viscere in decomposizione potesse miracolosamente curare i reumatismi. Questa credenza è un esempio di quanto la cultura locale possa influenzare le pratiche mediche.

Bagni in Mare per Diversi Disturbi

I medici norvegesi di inizio ‘900 sostenevano che fare brevi bagni in mare potesse curare diverse condizioni, tra cui isteria, nevrastenia, reumatismi, spossamento, lievi anemie e persino il “sovraffaticamento spirituale”. Questa pratica era basata sulle proprietà stimolanti del sale e sugli effetti benefici dell’acqua fredda sul metabolismo.

In conclusione, le cure mediche del passato spesso riflettevano le credenze culturali e le conoscenze limitate dell’epoca. Mentre alcune di queste pratiche possono sembrare strane o inutili oggi, rappresentano una parte importante della storia della medicina e dell’evoluzione delle cure sanitarie. Fortunatamente, la medicina moderna si basa su solide evidenze scientifiche, garantendo trattamenti più efficaci e sicuri per le malattie e i disturbi.

Foto dell'autore

Francesco Centorrino

Sono Francesco Centorrino, creatore ed amministratore di Microbiologia Italia, primo sito di divulgazione microbiologica in Italia. Sono laureato in biologia e molto appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza. Sono Siciliano ma vivo e lavoro in Basilicata come analista di laboratorio microbiologico presso una nota azienda farmaceutica. Ho creato il portale di Microbiologia Italia per condividere conoscenza ed informazioni a chiunque fosse interessato a questa bellissima scienza. Potete trovare tutti i miei contatti al seguente link: https://linktr.ee/fcentorrino.

Rispondi