Carenza di medicinali: un problema non solo italiano

Ultimamente si è registrata una carenza di medicinali, tra cui l’amoxicillina, utilizzata per il trattamento di varie infezioni respiratorie, soprattutto nei bambini. Attualmente questo problema non sta affliggendo solo l’Italia, ma l’intera Europa, riguardando anche altri farmaci ampiamente impiegati durante la pandemia di Covid-19 e la stagione influenzare appena trascorsa. Tra questi troviamo mucolitici, antipiretici e antinfiammatori, ma anche alcuni farmaci utilizzati per trattamenti anti-tumorali, epilessia ed ipertensione.

Le raccomandazioni dell’EMA sulla carenza di medicinali

Il 17 Maggio l’EMA ha rilasciato le 10 raccomandazioni per l’industria, per prevenire casi di carenze di medicinali e garantire una continuità per le cure dei pazienti.

Le 10 raccomandazioni dell'EMA per far fronte alla carenza di medicinali
Figura 1 – EMA (European Medicines Agency). [Fonte: https://www.sanitainformazione.it/]

Infatti, le carenze di medicinali possono causare varie problematiche quali ritardi nei trattamenti dovuti al razionamento dei medicinali, come anche il dover utilizzare farmaci alternativi, non garantendo delle cure adeguate per i pazienti. Un problema sempre più globalizzato, non solo italiano.

Le raccomandazioni riguardano i grossisti, distributori e produttori, nonché i titolari per l’immissione in commercio. Sviluppate dalla Task Force HMA/EMA, le indicazioni riguardano principalmente lo stabilire dei principi generali per la distribuzione adeguata dei medicinali per i pazienti, l’ottimizzazione dei sistemi di qualità farmaceutica e della comunicazione tra le varie parti della filiera del farmaco, e informare il prima possibile le autorità competenti di un’eventuale carenza per attuare delle misure preventive.

La situazione italiana

L’AIFA monitora costantemente la situazione farmaceutica italiana. Attualmente i farmaci carenti sono circa 3396, ma molti di questi prevedono trattamenti equivalenti. Di altri, invece, è stata cessata definitivamente la commercializzazione o vi sono problemi legati alla produzione. In Italia, il problema della carenza di medicinali è sotto stretta sorveglianza da gennaio, in cui erano già state registrate carenze riguardo alcuni farmaci antiinfluenzali e alcuni calmanti per la tosse.

Fonti:

Crediti immagini:

Foto dell'autore

Roberta Maria Serra

Futura biologa, nutro un forte interesse per temi quali la salute e la prevenzione, di cui scrivo e curo una rubrica social per Microbiologia Italia. Altre mie passioni riguardano l’astronomia, la bioinformatica, la biostatistica e la ricerca clinica. Ritengo che saper comunicare argomenti di carattere scientifico con chiarezza e rigore sia importantissimo, soprattutto nel periodo in cui viviamo.

Rispondi