Colorazione Feulgen: identificare il DNA

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La colorazione di Feulgen è una metodica comunemente utilizzata per colorare il DNA. Si basa su un’idrolisi acida seguita da colorazione mediante il reattivo di Schiff. Il vantaggio? Permette di colorare selettivamente il DNA, a scapito dell’RNA.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’immunofluorescenza tra le moderne tecniche diagnostiche

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’immunofluorescenza: cos’è, perchè eseguire il test, procedimento, immunofluorescenza diretta e indiretta, vantaggi e svantaggi, esempi.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Colorazione Ematossilina-Eosina

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Obiettivo della tecnica La colorazione Ematossilina–Eosina (EE) è la più comune colorazione istologica, utilizzata prevalentemente in microscopia ottica ed applicabile con tutti i metodi fissativi, eccetto quelli che prevedono la presenza di osmio. Questo tipo di colorazione consente di osservare, in chiave prettamente morfologica, un particolare organo o tessuto di un organismo animale. Inoltre, è … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microscopia ottica: fasi di allestimento di un campione

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La funzione principale del microscopio, sia esso ottico che elettronico, è quella di ingrandire particolari che ad occhio nudo risulterebbero invisibili. Sapete com’è possibile che un organismo o un oggetto possano essere osservati al microscopio? Se la risposta è no, per saperlo, basta leggere quest’articolo, in cui descriveremo le fasi fondamentali affinché un campione di … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Colorazioni in microscopia ottica: vademecum generale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Questo articolo fa parte di una rassegna generale sul mondo della microscopia ottica. E’ stato preceduto da una panoramica sulle principali tecniche microscopiche e prima ancora da un’introduzione allo strumento microscopio. Quando e perchè colorare In microscopia ottica si utilizzano numerose tecniche di colorazione; esse consentono di aumentare il contrasto tra cellula ed ambiente circostante, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Preparazione dei campioni per la microscopia elettronica

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’osservazione al microscopio di oggetti, organismi, etc.., viene effettuata quando sono richiesti ingrandimenti notevoli di un campione. Le tecniche utilizzabili sono varie ma è fondamentale, per ognuna di esse, la preparazione del campione da esaminare, che varia a seconda del metodo utilizzato. Ad esempio, l’osservazione al microscopio (sia ottico che elettronico) dei campioni biologici richiede … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Tecniche di microscopia ottica: uno sguardo d’insieme

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La prima parte di questo articolo, che tratta del microscopio ottico e delle tecniche di microscopia ottica in campo chiaro, è consultabile al presente link. Lo sfondo del vetrino come termine di contrasto Esistono diverse tecniche di microscopia ottica, ma tutte quante si basano in definitiva sul principio del contrasto di forma o colore dei … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microscopio a fluorescenza

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Che cos’è la fluorescenza? La fluorescenza è un fenomeno fisico, in cui una sostanza si eccita assorbendo determinate radiazioni elettromagnetiche di una certa lunghezza d’onda e li riemette ad una lunghezza diversa o superiore a quella assorbita. L’eccitazione degli atomi del fluoroforo promuove gli elettroni ad un nuovo livello energetico dove perdurano solo per un … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microscopio elettronico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Storia e caratteristiche principali Il microscopio elettronico è un apparecchio dotato di altissimo potere risolutivo che permette l’osservazione di campioni di grandezze infinitesimali, grazie alle proprietà ondulatorie di uno o più fasci di elettroni. La nascita della microscopia elettronica risale alla descrizione dettagliata, pubblicata nel 1932 sugli Annalen der Physik, degli esperimenti condotti da Max … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microscopio ottico: che cos’è e come funziona

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microscopio ottico come strumento indispensabile L’osservazione e lo studio delle caratteristiche morfologiche di microrganismi e cellule si basa sull’analisi al microscopio: le loro dimensioni infatti (a parte alcuni casi particolari) sono inferiori alla capacità visiva dell’occhio umano. Ecco perchè è necessario possedere uno strumento che potenzi la nostra vista e ci permetta di guardare … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: